Credit: Zoo di Danzica
in foto: Credit: Zoo di Danzica

Un rarissimo esemplare di pinguino albino è nato nello zoo di Danzica, in Polonia. Si tratta dell'unico uccello marino appartenente all'ordine degli sfeniscidi (pinguini) noto al momento con questa peculiare condizione genetica, che oltre ad averlo reso candido come la neve lo espone ad alcuni rischi per la salute. Per questa ragione è stato tenuto sotto strettissima sorveglianza veterinaria fin dalla schiusa dell'uovo, avvenuta il 12 dicembre 2018.

Pinguini in pericolo. I biologi e i veterinari che lavorano allo zoo polacco ancora non conoscono il genere del giovane uccello, che verrà determinato attraverso un esame apposito delle piume. La certezza è che appartiene a una delle specie più minacciate del pianeta, il pinguino africano (Spheniscus demersus), che vive in una piccolissima area attorno alle coste meridionali dell'Africa. Recentemente un team di ricerca dell'Università di Exeter e dell'Università di Città del Capo ha dimostrato che i cambiamenti climatici e la pesca eccessiva stanno trascinando questi uccelli marini verso l'estinzione, a causa di una “trappola ecologica” che li spinge a cercare il cibo dove non c'è più. La specie è classificata con codice EN (in pericolo di estinzione) nella Lista Rossa della IUCN. Ecco perché ogni singolo esemplare di pinguino africano è preziosissimo, anche quelli che vivono in cattività. Il pinguino albino comunque non è solo, dato che vive in compagnia di altri 70 esemplari all'interno dello zoo polacco. Non ha ancora un nome, ma verrà sicuramente deciso dopo la verifica del sesso.

Credit: Zoo di Danzica
in foto: Credit: Zoo di Danzica

Albinismo. L'albinismo è un difetto congenito (presente sin dalla nascita) che determina l'assenza dell'enzima tirosinasi, responsabile della produzione della melanina. Si tratta del pigmento che dona il colore alla nostra pelle, ai peli, ai capelli, all'iride degli occhi e anche al piumaggio dei pinguini. Gli occhi rosa/rossicci sono un'altra caratteristica tipica dell'albinismo, dovuta al fatto che mancando il colore dell'iride risaltano i vasi sanguigni che irrorano la retina. In natura gli esemplari albini sono estremamente rari poiché sono come “fari” che attraggono i predatori, perlomeno sulla terraferma; in mare sono noti alcuni imponenti cetacei misticeti albini come la megattera Migaloo e la balena grigia Gallone di Latte. I rischi principali per questi animali, oltre alla predazione, sono problemi alla vista e malattie della pelle come il cancro, a causa di una maggiore sensibilità alla luce solare. Probabilmente il candido pinguino albino verrà sempre considerato un pulcino (o poco più) dagli altri esemplari della sua colonia, dato che non potrà indossare il classico “smoking”. Come in tutti gli uccelli, infatti, anche nei pinguini il riconoscimento interspecifico avviene attraverso l'osservazione dei colori del piumaggio. Rarissimi casi di albinismo sono stati osservati nei pinguini di Adelia e in altre poche specie (uno nato allo zoo di Bristol morì poco dopo); al momento l'unico vivo di cui si è a conoscenza è quello nato nello zoo di Danzica.