944 CONDIVISIONI
1 Ottobre 2014
17:15

Quando un cane scodinzola è felice? I luoghi comuni sulla coda di Fido

Quando il nostro cane scodinzola vuole dire che è felice? Non sempre. La coda dice molto dell’emozione che Fido sta provando, ecco perché sono molti in modi in cui la muove. Scopriamo insieme come interpretarli.
944 CONDIVISIONI

Quando parliamo di cani, così come quando ci riferiamo ad un essere umano, o agli animali in generale, non ci è possibile standardizzare un comportamento poiché questo deve sempre essere analizzato prendendo in considerazione il contesto nel quale viene messo in atto.

La coda racconta l’emozione che il nostro cane sta vivendo
La coda racconta l’emozione che il nostro cane sta vivendo
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Cani, istruzioni per l'uso: per capire cosa pensano e dicono e come renderli felici

Dalla teoria… alla pratica

Anni di studi sul comportamento dei nostri amici a 4 zampe ci hanno permesso di comprendere, almeno in parte, il linguaggio attraverso il quale comunicano tra loro e con noi, ma non tutti i proprietari sono aggiornati sulle teorie contemporanee, anch’esse ogni giorno in via di definizione. Succede quindi che quando il nostro cane mette in atto determinati comportamenti, noi tendiamo a generalizzarli senza osservare alcuni piccoli dettagli che invece potrebbero aiutarci a comprendere meglio ciò che Fido stia cercando di dirci.

Il guinzaglio teso può essere un nemico della comunicazione tra cani
Il guinzaglio teso può essere un nemico della comunicazione tra cani

Incontri ravvicinati del terzo tipo

I cani sono animali sociali e per questo, secondo noi, hanno sempre e comunque voglia di relazionarsi con altri cani: non sempre è così. Proprio come noi, anche i nostri amici pelosi provano simpatie o antipatie per alcuni loro simili e attraverso la comunicazione corporea esprimono le loro emozioni. Non possiamo quindi sempre affermare “scodinzola…vuol dire che è felice”.

Dimmi come la muovi… e ti dirò cosa provi

La coda è per il cane un indicatore di emozione, questo significa che attraverso il suo movimento possiamo capire quale sensazione stia provando. Scodinzolare significa, in maniera più generale, ‘provare un’emozione’. Scopriamo allora insieme come ‘leggere’ la coda del nostro cane e come comportarci:

Coda parallela al suo, non rigida, con movimenti laterali: il cane ha visto qualcosa che lo interessa, l’emozione che prova è legata alla curiosità, quindi non è né positiva né negativa. Osserviamo anche noi l’oggetto del suo interesse e, se non pericoloso (altro cane, persona, oggetto) invitiamo il nostro cane a seguirci per andare a scoprire insieme di cosa si tratti. Se invece sapete già che ciò che Fido sta guardando può essere dannoso, invitatelo a seguirvi in un’altra direzione.

Coda perpendicolare al suolo, rigida, gonfia, con movimenti laterali rapidi (a volte può muovere solo la punta): il cane sta vivendo un’emozione molto forte, è teso e non è convinto dell’interazione che sta avendo. Se non potete proprio evitare l’interazione, perché ormai ci siete in mezzo, non prolungatela, soprattutto se siete a guinzaglio. Cosa fare? Tenete morbido il guinzaglio, con calma incrociate lo sguardo del vostro cane, richiamatelo a voi e andate via (chiedete all’altro proprietario di fare uguale a voi). Queste sono le tipiche situazione che da un momento all’altro possono trasformarsi in zuffa. Non è matematico, però perché rischiare?
Coda alta o parallela al suolo, con movimenti laterali ampi e morbidi: il cane sta vivendo un’emozione positiva. È la tipica coda delle feste da rientro a casa.
Coda tra le gambe, ferma: il cane sta provando un'emozione tendenzialmente negativa (paura, ansia, disagio), sta a noi riuscire ad aiutare il nostro amico a sentirsi al sicuro. Richiamatelo a voi e allontanatevi da quella situazione/interazione. Il vostro cane ve ne sarà grato.

 

Hit et nunc

Ovviamente ognuno di questi esempi deve essere contestualizzato e analizzato in relazione alla naturale posizione della coda del proprio cane (ci sono razze che hanno la coda sempre ‘su’, altre invece tendono a tenerla rilassata verso il basso). Non dimenticate che anche le orecchie, il peso del corpo (indietro, centrale, in avanti) e la bocca ci possono aiutare a comprendere meglio il nostro 4 zampe. Come? Lo scopriremo nelle prossime settimane.

944 CONDIVISIONI
Zeina nasce a Genova dove vive finché non decide di iniziare a girare in cerca della sua strada e così Roma, Milano, Brema e poi ancora Milano. Dopo aver concluso il percorso di studi che l'ha portata ad ottenere una Laurea Magistrale e aver lavorato nel campo della produzione televisiva, del marketing e delle agenzie pubblicitarie, adesso vive le sue giornate da giornalista scrivendo di Mondo Animale e Natura, realizzando video, conducendo una sua trasmissione radiofonica su una delle principali FM italiane e trascorrendo il suo tempo in mezzo ai cani (e ai loro proprietari), visto che è anche Educatrice Cinofila SIUA. Il suo compagno di vita è Teseo, un quattrozampe greco salvato a Naxos, in Grecia.
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Cani, istruzioni per l'uso: per capire cosa pensano e dicono e come renderli felici
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni