184 CONDIVISIONI
Opinioni
24 Ottobre 2019
11:33

Plastica, Greenpeace svela quali sono i marchi che creano più rifiuti: da Coca-Cola a Nestlé

Abbandoniamo centinaia di migliaia di rifiuti in plastica ovunque, al mare, in montagna, in campagna e in città. Greenpeace ha analizzato gli involucri usa e getta raccolti durante le attività di pulizia e ha scoperto quali sono i marchi che causano maggiore spazzatura. Vediamo insieme cosa c’è da sapere e cosa possiamo fare.
A cura di Zeina Ayache
184 CONDIVISIONI

La lotta alla plastica è iniziata da qualche anno, scienziati e governi ci chiedono di ridurne l’utilizzo, ma allo stesso tempo nei supermercati i prodotti continuano ad essere imballati in confezioni decisamente non ecosostenibili, usa e getta e destinate ad inquinare il nostro Pianeta. Il nuovo report Greenpeace sulla plastica mette in evidenza i marchi che provocano più spazzatura e che possiamo trovare in spiaggia, in montagna, per strada in città, ovunque. Ecco chi sono i brand più inquinanti.

Sei al mare, bevi una lattina di Coca Cola e la lasci sulla spiaggia, sei in montagna, mangi un Mars e abbandoni l’involucro lungo il sentiero, sei in città, bevi una bottiglietta d’acqua e quando l’hai finita la butti per strada. Queste sono solo alcune delle pessime abitudini che abbiamo noi esseri umani maleducati e irrispettosi. Abitudini che portano alla diffusione di milioni di rifiuti di plastica ovunque su questo Pianeta.

Ebbene sì, milioni. Greenpeace fa sapere che in un anno sono stati raccolti e catalogati 476mila rifiuti di plastica da 72 mila volontari durante le attività di pulizia. Analizzando questa spazzatura, Greenpeace ha scoperto che i marchi che portano alla diffusione di più rifiuti sono Coca-Cola, seguita da Nestlé, PepsiCo, Mondelēz International, Unilever, Mars, P&G, Colgate-Palmolive, Phillip Morris e Perfetti Van Melle, in Italia Coca-Cola, San Benedetto, Nestlé e Ferrero.

I prodotti venduti da questi marchi sono contenuti in involucri di plastica usa e getta che si accumula senza sosta e che sempre di più è difficile da smaltire. A questi marchi è stato chiesto di pensare a soluzioni più ecosostenibili che però, dichiara Greenpeace, sono "false soluzioni alla crisi dell’inquinamento da plastica. Le soluzioni promosse da queste multinazionali, che non prevedono la riduzione a monte della produzione di packaging usa e getta, consentiranno loro di continuare a perpetuare un modello di business e di consumo insostenibile per il Pianeta”.

Insomma, siamo sommersi dalla plastica, siamo consapevoli che questo materiale ci sta rovinando la vita, eppure la soluzione che ci offrono è: ‘riducete il consumo della plastica’. Noi possiamo anche ridurlo, ma come facciamo se tutto ciò che compriamo è avvolto dalla plastica? Voi trovate una soluzione, noi intanto impariamo ad usare la spazzatura e non abbandonare ovunque i nostri rifiuti.

184 CONDIVISIONI
Giornalista. Mi sono sempre chiesta chi ci fosse dietro alle notizie veicolate ogni giorno dai giornali, dalla TV e dal Web. Poi mi sono informata e sono diventata una di loro. Credo fortemente nella divulgazione e per questo faccio il possibile per raccontare attraverso le esperienze e le emozioni ciò che accade sul nostro Pianeta.
Non riusciamo a farne una giusta: false soluzioni contro la plastica, dalla carta al biodegradabile
Non riusciamo a farne una giusta: false soluzioni contro la plastica, dalla carta al biodegradabile
Vietnam,
Vietnam, "Plastic Planet": opere d'arte dai rifiuti di plastica
47 di askanews
Emergenza plastica: entro il 2050 in mare ci saranno più rifiuti che pesci
Emergenza plastica: entro il 2050 in mare ci saranno più rifiuti che pesci
637.904 di Beppe Facchini
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni