Si è presentato in maniera spettacolare come spesso accade quando il sole è oltre l'orizzonte: una scia luminosa ha illuminati i cieli di Jinju, in Corea del Sud, la sera del 9 marzo. Il video in apertura documenta l'evento visto da Suwon, a sud di Seoul, e sembra testimoniare la progressiva disintegrazione della meteora prima che toccasse il suolo. Secondo gli studiosi coreani, invece, due frammenti sarebbero già stati trovati il 10 e l'11 marzo. Secondo i media orientali le parti recuperate sarebbero già pronte per essere vendute, secondo una valutazione che va dai tre ai dieci dollari a grammo. La definizione precisa del loro valore, osservano gli studiosi, dipende dalla composizione delle due rocce. In ogni caso, ci troviamo di fronte ad un vero e proprio tesoro, perché i due frammenti peserebbero circa nove e quattro chili, vale a dire, rispettivamente, un peso equivalente ad un valore di 27.000-90.000 dollari e 12.000-40.000 dollari. La minaccia proveniente dallo spazio è diventata di attualità dopo l'incredibile pioggia di meteoriti che interessò la città di Chelyabinsk, nella Siberia orientale in Russia. Da allora l'attenzione dei media verso il fenomeno, rafforzata anche dalla diffusione degli smartphone, ha portato spesso a chiedersi se la minaccia dei meteoriti non sia effettivamente sottostimata.