Covid 19
25 Ottobre 2021
09:30

Covid danneggia i vasi del cervello e scatena sintomi neurologici: colpito oltre l’80% dei pazienti

Analizzando il cervello di pazienti deceduti a causa della COVID-19 grave e il tessuto cerebrale di animali infetti, un team di ricerca internazionale guidato da scienziati tedeschi dell’Università di Lubecca ha dimostrato come il coronavirus SARS-CoV-2 danneggia i piccoli vasi cerebrali innescando le patologie neurologiche, dalla “nebbia mentale” agli ictus.
A cura di Andrea Centini
I danni ai vasi del cervello provocati dalla COVID–19. Credit: Nature neuroscience
I danni ai vasi del cervello provocati dalla COVID–19. Credit: Nature neuroscience
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Tra le principali conseguenze della COVID-19, la malattia provocata dal coronavirus SARS-CoV-2, vi è una lunga serie di sintomi neurologici, che spaziano dalla perdita dell'olfatto (anosmia) all'alterazione del gusto (disgeusia), passando per disturbi cognitivi – come la famigerata “nebbia cerebrale” -, cefalea e ictus. Secondo vari studi come la ricerca “The emerging spectrum of COVID-19 neurology: clinical, radiological and laboratory findings” pubblicata sulla rivista scientifica Brain e guidata da scienziati dell'Istituto di Neurologia dell'University College di Londra, sino all'84 percento dei pazienti Covid sperimenta disturbi neurologici, in alcuni casi fatali. I meccanismi patogenici di tali sintomi non sono ancora completamente chiari, ma un nuovo studio ha rilevato in che modo il patogeno pandemico può danneggiare i vasi sanguigni del cervello e innescare malattie neurologiche.

A condurre l'indagine è stato un team di ricerca internazionale guidato da scienziati del Centro del cervello, del comportamento e del metabolismo (CBBM) dell'Università di Lubecca (Germania), che hanno collaborato a stretto contatto con i colleghi del Laboratorio di sviluppo e plasticità del cervello neuroendocrino dell'Università di Lille (Francia), del Dipartimento di Fisiologia dell'Università di Santiago de Compostela (Spagna), dell'Istituto di Virologia dell'Università di Francoforte e di numerosi altri centri di ricerca. Gli scienziati, coordinati dal professor Markus Schwaninger, docente presso l'Istituto di farmacologia e tossicologia sperimentale e clinica dell'ateneo tedesco, sono giunti alle loro conclusioni dopo aver analizzato i cervelli di pazienti deceduti a causa della COVID-19, oltre ad aver condotto alcune ricerche su modelli animali.

Nel cervello dei pazienti colpiti dalla forma grave della COVID-19 sono stati identificati cambiamenti strutturali e alterazioni nei piccoli vasi cerebrali, che sono alla base del danno vascolare. Nello specifico, sono stati osservati danni chiamati “empty basement membrane tubes” o “vasi a corda” (string vessels), che non permettono il passaggio del sangue – sono cellule morte, fondamentalmente – e che possono scatenare i disturbi cognitivi, compresi micro ictus. “SARS-COV-2 infetta le cellule endoteliali cerebrali e porta alla patologia microvascolare tramite la segnalazione RIPK (la delezione della proteina chinasi che interagisce con il recettore NDR)”, scrivono Schwaninger e colleghi nello studio. Il meccanismo patogenico è legato all'enzima proteasi del virus che è in grado di scindere il modulatore essenziale del fattore nucleare-κB (NEMO). L'ablazione di questo modulatore porta alla morte delle cellule endoteliali nel cervello umano e fa sviluppare i vasi a corda, come osservato nei modelli murini (topi).

Fortunatamente, spiegano gli studiosi, attraverso un farmaco inibitore del segnalazione RIPK è stato dimostrato che è possibile impedire la patologia microvascolare. “I nostri dati suggeriscono che RIPK è un potenziale bersaglio terapeutico per trattare la neuropatologia di COVID-19”, spiegano i ricercatori. Nelle forme lievi di COVID osservate in modelli animali, inoltre, sembra che il danno alle cellule endoteliali cerebrali sia reversibile; la speranza è che lo sia anche nell'uomo. I dettagli della ricerca “The SARS-CoV-2 main protease Mpro causes microvascular brain pathology by cleaving NEMO in brain endothelial cells” sono stati pubblicati sull'autorevole rivista scientifica specializzata Nature neuroscience.

28204 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni