1.389 CONDIVISIONI
Coronavirus
28 Maggio 2021
13:22

Casi di variante indiana raddoppiati in UK in 7 giorni: 9 ricoverati su 10 non sono vaccinati

In una sola settimana nel Regno Unito i casi di seconda variante indiana B.1.617.2 sono raddoppiati, passando da 3.535 a 6.959. In alcune aree particolarmente colpite stanno aumentando anche i ricoveri in ospedale; un paziente su 10, in base a quanto dichiarato dal Segretario di Stato per la salute e gli affari sociali Matt Hancock, ha ricevuto la doppia dose di vaccino anti Covid.
A cura di Andrea Centini
1.389 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Nel momento in cui stiamo scrivendo, sulla base della “mappa delle vaccinazioni” di Our World in Data nel Regno Unito sono state somministrate 62 milioni di dosi di vaccino anti Covid e 23,6 milioni di persone risultano completamente immunizzate, pari al 35,4 percento della popolazione. Ciò significa che c'è ancora un'ampia fetta di britannici esposta al rischio di contagiarsi e contrarre la forma grave della COVID-19, la malattia provocata dal coronavirus SARS-CoV-2. Tale rischio è catalizzato dalla diffusione della seconda variante indiana B.1.617.2, che gli scienziati ritengono essere fino al 50-60 percento più trasmissibile della variante inglese B.1.1.7, diffusasi nei mesi scorsi in numerosi Paesi. I nuovi casi di variante indiana iniziano a preoccupare gli esperti del Regno Unito, a causa di un aumento repentino dei contagi e anche dei ricoveri in ospedale.

In base a quanto indicato nell'ultimo bollettino aggiornato della Public Health England (PHE), l’Agenzia governativa del Dipartimento di Sanità e Assistenza sociale del Regno Unito, in una sola settimana i casi di B.1.617.2 sono raddoppiati, passando da 3.535 a 6.959. Le aree più colpite risultano essere Bolton, Bedford e Blackburn, dove sono stati registrati rispettivamente 1.354, 366 e 361 casi confermati dalle indagini di sequenziamento genetico. In alcune delle zone più interessate, spiega la PHE, sono in aumento i ricoveri in ospedale: “Le presenze e i ricoveri ospedalieri sono prevalentemente in soggetti non vaccinati, evidenziando quanto sia cruciale che le persone in queste aree si facciano avanti per ricevere la vaccinazione”.

A Bolton i ricoveri in ospedale sono passati dagli 11 del 9 maggio ai 41 del 25 maggio. Matt Hancock, Segretario di Stato per la salute e gli affari sociali del Regno Unito, in un'audizione al parlamento ha dichiarato che a Bedford e in altre aree più colpite circa un paziente su 10 di quelli ricoverati in ospedale con COVID-19 ha ricevuto entrambe le dosi di vaccino anti Covid. “Il fatto che il 90 percento siano persone che non sono state ancora vaccinate due volte ci dà un alto grado di fiducia che il vaccino è altamente efficace, ma mostra anche che c'è il 10 percento che è stato vaccinato due volte e che il vaccino non è efficace al 100 percento”, ha specificato il politico.

Del resto è noto che i vaccini anti Covid non hanno un'efficacia totale contro la patologia sintomatica, sebbene quella contro il ricovero e soprattutto contro il decesso dalle indagini cliniche risultasse sempre attorno al 100 percento. Politici e scienziati sottolineano che contro la seconda variante indiana è fondamentale che tutti si sottopongano alla seconda dose; come dimostrato da un recente studio della PHE, infatti, una sola dose di Vaxzevria (il vaccino di AstraZeneca) o di Comirnaty (il vaccino di Pfizer-BioNTech), ha un'efficacia di poco superiore al 30 percento verso di essa, mentre le due dosi garantiscono un'efficacia rispettivamente del 66,1 percento e del 93,4 percento.

Al momento la PHE sottolinea che la variante inglese (detta del "Kent") risulta ancora quella dominante nel Regno Unito, ma fino al 75 percento dei nuovi casi segnalati potrebbero essere ascrivibili a quella indiana, secondo quanto dichiarato da Matt Hancock. I casi in aumento di variante indiana rilevati a Bedford, Bolton e in altre aree, tuttavia, potrebbero non rispecchiare una effettiva impennata dei contagi, ma potrebbero essere un riflesso degli estesi programmi di tracciamento, introdotti proprio per andare a caccia dei positivi. “Se vediamo aumentare i casi non siamo ancora del tutto sicuri se si tratti di un'impennata della variante o se si tratti di un incremento perché siamo attivamente, giustamente, rilevandoli e quindi facciamo emergere le catene di trasmissione”, ha dichiarato la dottoressa Jenny Harries, direttore esecutivo della UK Health Security Agency. Ciò che è certo è che se la variante indiana dovesse sfuggire di mano, poiché ci sono ancora moltissimi britannici senza vaccino si potrebbe arrivare a un boom di nuovi contagi, ricoveri e decessi nei prossimi mesi. In base a un modello elaborato da scienziati dell'Università di Warwick e della London School of Hygiene and Tropical Medicine (LSHTM), nel mese di luglio si potrebbe arrivare a oltre 10mila ricoveri al giorno e mille morti, se venisse confermata la trasmissibilità pari o superiore al 50 percento.

Credit: SPI–M–O
Credit: SPI–M–O

Per tutte queste ragioni gli esperti raccomandano estrema cautela con le riaperture e di proseguire rapidamente con la campagna vaccinale, chiedendo al contempo di rispettare distanziamento sociale, uso delle mascherine e igiene delle mani. Per il 21 giugno è atteso il ritorno a una quasi-normalità nel Regno Unito; al momento non ci sono segnali che possano far cambiare rotta al governo di Boris Johnson, ma se davvero la seconda variante indiana dovesse prendere piede potrebbero essere necessarie misure straordinarie per arginarla.

1.389 CONDIVISIONI
26024 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni