zanzara tigre (Aedes albopictus)
in foto: Sintomi, rimedi e malattie: tutto ciò che c’è da sapere sulle zanzare tigre.

Le zanzare sono arrivate, la stagione estiva le ha portate con sé, così come le tanto odiate punture di questi animali. Ma come mai alcune persone vengono punte più di altre? E come possiamo evitarlo? Vediamo insieme chi sono le ‘vittime’ preferite delle zanzare e come ridurre il rischio di essere punti.

Le zanzare, chi preferiscono

Gli scienziati continuano a domandarsi chi siano le ‘vittime’ preferite delle zanzare e, come spiegano le varie pubblicazioni, non c’è un vero e proprio identikit specifico, ma sono varie le motivazioni che portano questi insetti a pungerci.

  • CO2, le zanzare sono attratte dalla CO2, questo spiega perché riescono a trovarci facilmente. Quando respiriamo rilasciamo anidride carbonica e l’insetto la percepisce e ci raggiunge, pungendoci
  • Gruppo sanguigno, alcuni studi hanno dimostrato che le persone con gruppo sanguigno 0, positivo o negativo, sono particolarmente apprezzate, circa il doppio, dalle zanzare rispetto a chi appartiene ai gruppi A e B
  • Gravidanza, a quanto pare le donne in gravidanza sono più colpite delle altre persone, la causa? Anche in questo caso potrebbe essere l’anidride carbonica visto che le donne incinte ne producono il 21% in più, circa
  • Sportivi, le zanzare sono attratte dall’acido lattico e dal sudore, ecco perché gli sportivi sono particolarmente apprezzati
  • Alcol, un’altra grande passione delle zanzare sono le persone che hanno bevuto alcolici che percepiscono attraverso il sudore
  • Genetica, infine, le zanzare ‘sentono’ il nostro patrimonio genetico e quello di alcuni di noi sembra essere più attraente rispetto a quello di altri, cosa nello specifico però non lo sappiamo

Come tenere lontane le zanzare

I modi per tenere lontane le zanzare sono molti e possono essere naturali o chimici, a seconda delle nostre preferenze, vediamo quelli naturali:

  • Giardini e balconi, tra i rimedi naturali possiamo scegliere di allestire il nostro terrazzo con piante repellenti, come la menta, la citronella, il rosmarino, il basilico e la lavanda
  • Pipistrelli, è possibile installare un batbox in terrazzo o fuori dalla finestra per creare un rifugio ad un pipistrello, o più, che farà pulizia di zanzare visto che ne va ghiotto
  • Sulla pelle, sul corpo possiamo spalmare l’olio di Neem o quello di soia
  • Nel corpo, da ingerire possiamo invece scegliere il Ledum Palustre, da assumere sotto forma di granuli omeopatici, o le stesse piante aromatiche con cui allestire il balcone di casa

Metodi alternativi per tenere lontane le zanzare

Se invece vogliamo essere più alternativi, gli scienziati ci fanno sapere che:

  • la musica elettronica fa passare la voglia alle zanzare di nutrirsi di sangue e di accoppiarsi, alzate dunque il volume. Il motivo? Questa musica disturba le frequenze del ronzio che permette a questi animali di incontrarsi e accoppiarsi
  • i tatuaggi zebrati, se volete essere ancora più drastici, optate per i tatuaggi zebrati. Uno studio ha dimostrato che le persone con tatuaggi a strisce bianche, su base scura, tengono lontani le zanzare. Il motivo? La differenza di colori spezza la polarizzazione della luce riflessa e gli insetti credono di non trovarsi di fronte a qualcuno che possono pungere.