Credit: ESA advanced concepts team; S. Brunier /ESO
in foto: Credit: ESA advanced concepts team; S. Brunier /ESO

Viaggiare tra le stelle sfruttando l'attrazione gravitazionale di una coppia di buchi neri e un raggio laser, che potrebbe spingere a velocità prossime a quella della luce (relativistiche) la vela di un'astronave avanzatissima. Non è la trama di un nuovo film di fantascienza, ma la teoria di un astrofisico dell'Università Columbia di New York, il professor David Kipping, secondo il quale una civiltà extraterrestre sufficientemente avanzata potrebbe essere in grado di spostarsi rapidamente da una parte all'altra dell'Universo proprio grazie a questa tecnologia. Anche se è al limite del suicidio, perché sebbene sulla carta funzioni, bisogna comunque avvicinarsi moltissimo a un buco nero, col rischio di essere fatti a pezzi dalla sua immensa forza gravitazionale. Insomma, serve anche una precisione estrema per evitare disastri.

Fionda gravitazionale. Le basi del viaggio interstellare ideato dal professor Kipping affondano le radici in pratiche ben collaudate e in altre teorie fisiche molto promettenti. Tutto ruota attorno al concetto della cosiddetta fionda gravitazionale, una tecnica già utilizzata con successo per le attuali missioni robotiche. Le sonde, infatti, vengono spinte a grandissima velocità verso gli obiettivi (fondamentalmente oggetti del Sistema solare) sfruttando il movimento e la forza di gravità dei pianeti, cui orbitano attorno prima di essere “fiondate”. La sonda OSIRIS-Rex della NASA, ad esempio, recentemente ha utilizzato proprio la Terra per lanciarsi a tutta velocità verso l'asteroide Bennu. È una tecnica estremamente efficiente che fa risparmiare tantissimo carburante.

Al limite della fantascienza. Nel caso della tecnologia teorizzata dal professor Kipping, la fionda gravitazionale sarebbe garantita da un sistema di due buchi neri, che tuttavia verrebbero sfruttati ‘solo' per potenziare un raggio laser inviato dalla navicella impegnata nel viaggio interstellare. I fotoni “sparati” dalla navicella, infatti, rimbalzando da un buco nero all'altro verrebbero caricati di energia, che a sua volta sarebbe trasferita come energia cinetica per spingere la vela dell'astronave. La tecnica chiamata Halo Drive è molto simile a quella progettata da Stephen Hawking per mandare su Proxima Centauri delle minuscole navicelle dotate di vele, la stella più vicina alla Terra (a 4 anni luce). Al momento non disponiamo di una tecnologia in grado di sostenere l'idea di Kipping, ma sulla carta “funziona” e forse in un lontano futuro riusciremo a governarla. I dettagli sulla teoria dell'astrofisico americano sono stati pubblicati su arXiv.