24.227 CONDIVISIONI
29 Gennaio 2021
13:50

Un guarito Covid su 8 rischia disturbi neurologici o psichiatrici

Lo indicano i dati di uno studio condotto dall’Università di Oxford su oltre 200mila pazienti: “Il rischio è maggiore ma non limitato a coloro che hanno avuto una forma grave di Covid”.
A cura di Valeria Aiello
24.227 CONDIVISIONI

A sei mesi dalla diagnosi di Covid-19, un guarito su 8 ha manifestato per la prima volta disturbi psichiatrici o neurologici, come la demenza. Il dato arriva da una nuova analisi condotta dai ricercatori dell’Università di Oxford che hanno stimato i tassi di incidenza e i rischi relativi delle sequele di Covid-19 in oltre 200mila pazienti che hanno sconfitto la malattia.

Complessivamente, l’incidenza di condizioni patologiche a carico del sistema nervoso è stata del 33,6%, con il 12,8% dei guariti che ha ricevuto per la prima volta una diagnosi di disturbo mentale. La maggior parte delle condizioni, tra cui ictus, emorragia intracranica demenza e disturbi psicotici, è risultata più frequente dopo i casi di Covid-19 rispetto a coloro che avevano avuto l’influenza o un’infezione delle vie respiratorie. Tra i guariti, chi era stato ricoverato in ospedale e, in particolare aveva manifestato segni di encefalopatia, è risultato più esposto.

I risultati dello studio, che non sono stati ancora sottoposti a revisione paritaria, si aggiungono alle crescenti evidenze indicano che l’infezione da coronavirus può portare ad alterazioni patologiche del cervello e problemi di salute mentale, fornendo “una prova di una sostanziale morbilità neurologica e psichiatrica a seguito dell’infezione da coronavirus – spiegano gli studiosi – . I rischi erano maggiori, ma non limitati, a coloro che avevano una forma grave di Covid-19” precisano gli autori della ricerca, sottolineando l’importanza di informazioni che “possono aiutare nella pianificazione dei programmi sanitari e nell’identificazione delle priorità scientifiche”.

La ricerca non hanno ancora completamente chiarito i meccanismi biologici alla base di effetti così ampi e di lunga durata. Studi precedenti hanno dimostrato che l’infezione da coronavirus può avere importanti conseguenze sulle funzioni cognitive e neurologiche, come indicato anche da un recente studio italiano, Altre indagini hanno determinato effetti sul sistema nervoso come delirio e stato mentale alterato che possono manifestarsi a lungo termine anche in chi sperimenta una forma lieve o moderata dell’infezione.

24.227 CONDIVISIONI
Un paziente Covid su tre manifesta disturbi neurologici o psichiatrici dopo la guarigione
Un paziente Covid su tre manifesta disturbi neurologici o psichiatrici dopo la guarigione
Rilevati danni neurologici nei pazienti anche dopo forme moderate di COVID
Rilevati danni neurologici nei pazienti anche dopo forme moderate di COVID
Il coronavirus altera l'attività cerebrale e può causare disturbi neurologici di lunga durata
Il coronavirus altera l'attività cerebrale e può causare disturbi neurologici di lunga durata
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni