Coronavirus
1 Luglio 2021
17:26

Scoperti 160 nuovi potenziali farmaci contro la COVID: quali sono i più efficaci

Sfruttando una combinazione di biologia computazionale e apprendimento automatico, un team di ricerca internazionale guidato da scienziati dell’Università di Cambridge ha identificato 160 nuovi potenziali farmaci in grado di prevenire e/o curare la COVID-19, l’infezione provocata dal coronavirus SARS-CoV-2. Ecco quali risultano essere particolarmente efficaci.
A cura di Andrea Centini
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Sebbene i vaccini contro il coronavirus SARS-CoV-2 hanno dimostrato ampia efficacia nella prevenzione della COVID-19, sui farmaci per trattare la forma grave e potenzialmente fatale della malattia c'è ancora molto lavoro da fare. Oltre al desametasone e ad altri corticosteroidi che hanno evidenziato la capacità di ridurre il tasso di mortalità, c'è infatti bisogno di antivirali specifici in grado di colpire la replicazione virale e altri processi che rendono l'infezione del patogeno pandemico così insidiosa. Una speranza giunge da un nuovo studio internazionale che, grazie all'apprendimento automatico, è riuscito a identificare ben 160 potenziali nuovi farmaci contro la COVID-19.

A condurre la ricerca è stato un team di scienziati britannici del Milner Therapeutics Institute dell'Università di Cambridge, che hanno collaborato a stretto contatto con i colleghi dell'Istituto di virologia – FB10-Medicina veterinaria dell'Università Justus-Liebig (Germania), del Centre for Therapeutics Discovery di LifeArc, della società Data and Computational Sciences – GSK e di altri istituti. Gli scienziati, coordinati dal professor Tony Kouzarides, docente presso il Gurdon Institute e il Dipartimento di Patologia dell'ateneo britannico, sono giunti alle loro conclusioni combinando la biologia computazionale e l'intelligenza artificiale. In parole semplici, attraverso l'apprendimento automatico hanno creato una mappa di tutte le proteine coinvolte nell'infezione del coronavirus SARS-CoV-2, sia quelle che aiutano il virus a legarsi al recettore ACE2 delle cellule umane attraverso la proteina S o Spike che quelle che si generano dopo l'invasione.

Grazie a questa "mappa" l'intelligenza artificiale ha identificato due tipologie di bersagli: le proteine fondamentali nell'infezione e i processi biologici che si attivano durante l'aggressione virale. Incrociando questi dati con una banca di oltre 2mila farmaci già approvati contro altre condizioni, il professor Kouzarides e i colleghi hanno scoperto 200 farmaci potenzialmente efficaci contro la COVID-19 (126 contro la replicazione virale e 74 coinvolti nella risposta immunitaria). Fra essi in 40 sono già coinvolti nella sperimentazione clinica, vengono cioè testati sull'uomo, mentre gli altri 160 sono ancora sugli appunti o nella fase preclinica, vengono cioè testati su modelli animali e/o cellule in coltura. Tra le molecole più efficaci contro la replicazione virale, uno dei meccanismi nevralgici dell'infezione, gli scienziati hanno determinato che l'antimalarico proguanil e la sulfasalazina, utilizzata ad esempio contro l'artrite reumatoide e il morbo di Crohn, possono rappresentare un'arma particolarmente preziosa nel prevenire e curare la malattia. Testati su linee cellulari in laboratorio, infatti, hanno offerto risultati molto promettenti.

“Il nostro studio ci ha fornito informazioni inaspettate sui meccanismi alla base della COVID-19 e ci ha indicato alcuni farmaci promettenti che potrebbero essere riutilizzati per il trattamento o la prevenzione dell'infezione”, ha dichiarato il coautore dello studio Namshik Han in un comunicato stampa. “Riteniamo che il nostro approccio sarà utile per rispondere rapidamente a nuove varianti del SARS-CoV2 e ad altri nuovi agenti patogeni che potrebbero provocare future pandemie”, ha aggiunto l'esperto. Naturalmente l'efficacia e la sicurezza di tutte le molecole individuate dovrà essere dimostrata in approfonditi studi clinici. I dettagli della ricerca “Identification of SARS-CoV-2–induced pathways reveals drug repurposing strategies” sono stati pubblicati sulla rivista scientifica ScienceAdvances.

27046 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni