In Italia sono rinchiusi nei circhi circa 2.000 animali che vengono costantemente obbligati a mettere in scena spettacoli che nulla hanno a che vedere con la loro natura. Vediamo insieme quale sia la situazione dei circhi nel nostro Paese e in quale nazioni, nel mondo, il circo con animali è stato vietato. Ecco cosa c’è da sapere sul numero degli animali rinchiusi nei circhi in Italia e in quali Paesi sono vietati.

Gli animali dei circhi in Italia

In Italia, gli animali nei circhi sono ancora ammessi. Questo significa che gli spettacoli itineranti che arrivano nelle nostre città mettono in scena numeri in cui gli animali sono protagonisti obbligati a movimenti innaturali e forzati e che vengono spostati da una regione all’altra all’interno di gabbie anche per centinaia di chilometri. Come riportato da un studio pubblicato da Eurogroup for Animals, dal Rapporto dell’Istituto di Ricerca CENSIS commissionato da LAV e da una stima di LAV stessa del 2010, in Italia sono poco più di 2.000 gli animali rinchiusi nei circhi. Purtroppo però stiamo parlando di stime perché, come ci spiegano da LAV, ad oggi non esiste un vero e proprio registro ufficiale.

Chi sono gli animali rinchiusi nei circhi in Italia

Il numero esatto di circhi in Italia non è possibile definirlo, poiché esistono quelli che operano senza riconoscimento, quelli che sono registrati all’estero e quelli che chiudono tempoeraneamente, ma la cifra varia tra i 70 e i 100. Secondo le stime del 2010, gli animali rinchiusi nei circhi in Italia sono circa 2.000, numero che varia a seconda dei decessi e dei nuovi acquisti e che è difficile da tenere aggiornato poiché non esiste un registro:

  • 400 equidi, per la maggioranza cavalli, ma anche pony, asini e circa
  • 50 zebre
  • 80 bovidi vari, tra cui una decina di bisonti
  • 140 tra cammelli e dromedari
  • 60 lama
  • 9 giraffe
  • 6 rinoceronti
  • 20 ippopotami
  • 50 elefanti
  • 160 tigri, comprese tigri bianche e rosa
  • 60 leoni ed altri felini
  • 40 tra struzzi, emù
  • 350 volatili di cui la maggioranza pappagalli, ma anche rapaci, notturni, avvolto
  • 70/80 mammiferi di vario genere
  • 100 cani
  • 20 mammiferi marini (otarie, etc.)
  • 60 pinguini
  • 400 rettili tra cui 250 serpenti e 50 tra coccodrilli e alligatori
  • 200 pesci, in gran numero piranha

In quali Paesi sono vietati i circhi con animali

LAV ci fa sapere che i Paesi nel mondo in cui è stato vietato l’utilizzo di animali nei circa, o in cui esiste un parziale divieto sono: Austria, Bolivia, Bosnia and Herzegovina, Colombia, Costa, Rica, Croatia, Cyprus, El Salvador, Estonia, Greece, Guatemala, Ireland, Israel, Luxembourg, Macedonia, Malta, Mexico ,The Netherlands, Paraguay, Peru, Romania, Scotland, Singapore, Slovakia, Slovenia.

Quando i circhi con animali saranno vietati in Italia?

LAV è al lavoro da tempo per riuscire a rendere illegali gli animali nei circhi e, proprio in queste ore, in seguito alla morte del domatore Ettore Weber causata dall’attacco delle tigri con cui lavorava, ha ribadito la richiesta con urgenza de “l’approvazione della Legge delega e del relativo Decreto Legislativo annunciato dal Ministro Bonisoli per la completa dismissione, in tempi brevi, degli animali dai circhi”. “Questo cambiamento epocale nel nostro Paese rappresenterà non solo la fine di un sistema ridicolizzante e disumano di intrattenimento, ma sarà un primo passo verso una riconversione e un rilancio di uno spettacolo divertente, tradizionale e affascinante, totalmente umano”.