7.237 CONDIVISIONI
Opinioni
28 Luglio 2021
16:14

Quante auto dovrà distruggere la grandine perché tu la smetta di ignorare i cambiamenti climatici?

No, non è normale che la grandine abbia distrutto (più volte) automobili e tetti nel giro di pochi giorni. Così come non è normale che al Polo Sud ci siano 18 gradi e che le metropolitane cinesi si allaghino. Non è normale e ormai dovremmo averlo capito tutti, dato che la natura è passata alle maniere forti: bombe di ghiaccio che ci sfondano il parabrezza dell’auto posteggiata davanti a casa.
A cura di Marco Paretti
7.237 CONDIVISIONI

Se ve lo state ancora chiedendo: no, non è normale che per due o tre volte nel giro di poche settimane la grandine distrugga vetri, tetti e macchine. A luglio. Così come non è normale che la Sardegna bruci, che in Canada si registrino temperature da Sud Italia e che in Cina le alluvioni arrivino a riempire d'acqua le metropolitane. Tutti elementi che, purtroppo o per fortuna, sono lontani da noi. Per fortuna perché non ci colpiscono, purtroppo perché chi ancora non si è reso conto che i cambiamenti climatici sono sempre più frequenti può ignorarli. Poi, però, una pioggia di chicchi da 4 centimetri gli sfonda l'auto. A quel punto è difficile ignorare i cambiamenti climatici. Ma c'è un problema: quando arrivano così vicini a noi, forse è troppo tardi.

Lo spiegava recentemente anche uno studio pubblicato su Nature Reviews Earth & Environment: la grandine diventerà sempre più grave in molte regioni del mondo, soprattutto in Australia ed Europa. Da noi, spiega lo studio, le tempeste di grandine diventeranno sempre più impattanti proprio a causa dei cambiamenti climatici. "Sappiamo che i cambiamenti climatici comportano una maggiore presenza di umidità nell'atmosfera, elemento che provoca una maggiore instabilità dell'atmosfera" spiegano i ricercatori. "Ci aspettiamo più temporali a causa di questa instabilità".

La grandine caduta a giugno nel Pavese
La grandine caduta a giugno nel Pavese

A causa della maggiore temperatura dell'atmosfera, il punto di fusione sarà più alto e quindi i chicchi di grandine avranno più tempo per sciogliersi, elemento che comporta una minore frequenza del fenomeno della grandine. Quando cadrà, però, proprio a causa dell'instabilità dell'atmosfera i chicchi saranno sempre più grandi. "Quando la grandine sopravvive a questa fusione maggiore, sarà più grande e grave nel momento in cui impatta con la superficie" continuano i ricercatori. D'altronde lo abbiamo visto proprio qua in Italia, più volte, nel corso delle ultime settimane.

Lo studio parla del futuro, ma chiaramente qualcosa si è già mosso. Se gli incendi che ogni anno diventano sempre più grandi e aggressivi non avessero già sottolineato la gravità della situazione, proprio quest'anno stiamo assistendo a una moltitudine di eventi climatici che hanno un solo responsabile: l'uomo. Stiamo registrando eventi catastrofici ovunque, dal Polo Sud alla Cina, dal Canada alla Sardegna. E pian piano queste anomalie climatiche stanno raggiungendo anche noi nelle nostre città. Lo fanno sotto forma di enormi chicchi che all'improvviso ci sfondano il parabrezza dell'auto. Più volte durante l'estate: quest'anno abbiamo registrato 11 tempeste di ghiaccio al giorno dall’inizio del periodo estivo, triplicate rispetto all'anno scorso. E a finire nel mirino di questi bombardamenti di ghiaccio non sono solamente le nostre auto, ma anche la produzione agricola. È l'equivalente della natura che bussa alla nostra porta per dirci che questa è la nostra ultima occasione. E che a breve non saranno solo le nostre macchine a subire gli effetti devastanti dei cambiamenti climatici.

7.237 CONDIVISIONI
Rapporto Onu sui cambiamenti climatici: “L’uomo sta accelerando il riscaldamento globale”
Rapporto Onu sui cambiamenti climatici: “L’uomo sta accelerando il riscaldamento globale”
Perché il cambiamento climatico sarà catastrofico per l'Italia, secondo il rapporto Onu
Perché il cambiamento climatico sarà catastrofico per l'Italia, secondo il rapporto Onu
Così i cambiamenti climatici stanno deformando la crosta terrestre
Così i cambiamenti climatici stanno deformando la crosta terrestre
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni