Aggiornamenti sull'influenza
21 Ottobre 2016
13:22

Mamma ti sbagli: sei falsi miti sull’influenza

Sono tanti i falsi miti riguardo all’influenza, molti ce li portiamo dietro per generazioni e fanno parte dell’armamentario di raccomandazioni delle nostre madri.
A cura di Juanne Pili
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Aggiornamenti sull'influenza

"Se sudi e pigli freddo poi ti ammali": può essere una tesi ragionevole, ma per prendersi una malattia virale è necessario avere inoculato un virus, una volta che questo è successo ci ammaliamo anche senza giocare a calcetto sotto la pioggia in pieno inverno, cosa che comunque non dà una mano alle nostre difese immunitarie.

1. L'antibiotico panacea di tutti i mali

Se ti sei buscato un'influenza l'antibiotico non servirà a niente, anche se vuoi evitarla sarà del tutto inutile. Gli antibiotici, come suggerisce il termine stesso, funzionano contro i batteri, l'influenza è causata da un virus che ogni anno si potenzia ed evolve, necessitando lo sviluppo di sempre nuovi vaccini. Non ci soffermeremo ad approfondire come mai – se proprio si deve evitare l'influenza – non ci sia pericolo alcuno nel vaccinarsi; in proposito abbiamo già scritto parecchio. Ci teniamo piuttosto a far notare che il problema dell'inefficacia di molti antibiotici deriva anche dal fatto che spesso vengono usati a sproposito.

2. Non esiste una vera e propria influenza intestinale

Sintomi come vomito e dissenteria possono essere causati da altri virus, riciclare i farmaci acquistati per un'influenza precedente non è la scelta più intelligente. Perché la gastronenterite virale richiede altri rimedi. Consultare il medico piuttosto che Google aiuta. Anche se interrogate la Rete con cognizione di causa, questa vi risponderà: "corri dal dottore".

3. L'igiene è importante, ma per altri motivi

Il virus si trasmette per via aerea, se volete lavarvi le mani con una certa frequenza va benissimo – purché non sia l'inizio di una vera e propria fobia verso i germi – tuttavia non servirà a proteggervi dal virus dell'influenza. Sono le goccioline di saliva, che ci scambiamo per via aerea, il principale veicolo della malattia.

4. Prendere freddo non significa rischiare l'influenza

Vero è che se ci viene la febbre dipende proprio dal fatto che il corpo ha particolarmente bisogno di calore. Sottoposto per lunghi periodi a basse temperature avrà un sistema immunitario notevolmente più debole, ma se non ci è stato trasmesso alcun virus influenzale al massimo ci buschiamo un raffreddore. Non di meno anche in quel caso è necessario un virus: il Rhinovirus.

5. Segregarsi in casa col riscaldamento al massimo

Stare chiusi in casa – a meno che non si eviti di far entrare ospiti – o mettere il riscaldamento a manetta non vi renderà immuni. Non è la Peste nera, cerchiamo di non esagerare nell'estremo opposto, mettendo in atto pericolosi comportamenti antisociali, specialmente nell'educazione dei bambini.

6. "Ho già preso l'influenza quindi sono a posto"

In realtà sussiste sempre la possibilità di prendersi delle ricadute, tanto più che il virus influenzale può evolversi nel vostro stesso corpo, sfruttando la prima occasione utile per ripresentarsi.

19 contenuti su questa storia
Influenza stagionale 2017, pericolo medio: quando vaccinarsi e come ridurre il rischio
Influenza stagionale 2017, pericolo medio: quando vaccinarsi e come ridurre il rischio
Il cerotto contro l'influenza: la rivoluzione indolore dei vaccini
Il cerotto contro l'influenza: la rivoluzione indolore dei vaccini
Sconfiggeremo l'influenza con il muco di queste rane? Come funziona la molecola 'urumina'
Sconfiggeremo l'influenza con il muco di queste rane? Come funziona la molecola 'urumina'
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni