21 Dicembre 2012
14:29

L’osservatorio di Capodimonte compie duecento anni

Ai microfoni di fanpage il direttore dell’Osservatorio Massimo Della Valle e i rappresentanti dell’ESO Roberto Tamai e Bruno Leibundgut.
A cura di Redazione Scienze

Il VST (VLT Survey Telescope) è il nuovissimo telescopio d’avanguardia messo a punto per l’Osservatorio del Paranal dell'ESO, in Cile. La cerimonia d’inaugurazione per questo ultimo prodigio della tecnologia (un diametro di 2.6 metri per una camera da 268 milioni di pixel) si è tenuta qualche settimana fa presso l’Osservatorio Astronomico di Capodimonte, a Napoli: il programma VST, infatti, è una joint-venture tra l'INAF (Istituto Nazionale di Astrofisica) – Osservatorio Astronomico di Capodimonte, Napoli, e l’European Southern Observatory. L’evento si è così inserito nell'ambito delle celebrazioni per i duecento anni dalla fondazione dell’Istituto (festeggiato, tra l'altro, anche con un francobollo che commemora l’occasione) e a pochi giorni di distanza dall'apertura di un ricchissimo Museo degli Strumenti Astronomici. A proposito di queste importanti iniziative di cui è protagonista l'antico Osservatorio napoletano voluto da Gioacchino Murat e del telescopio da poco entrato "in servizio" in Cile, abbiamo intervistato il Direttore Massimo Della Valle, l' ingegnere supervisore del progetto VLT Survey Telescope Roberto Tamai e il Capo della Direzione Scientifica dell'ESO, Bruno Leibundgut.

Due francobolli per gli osservatori astronomici
Due francobolli per gli osservatori astronomici
Duecento anni di Fratelli Grimm
Duecento anni di Fratelli Grimm
50 anni di ESO, l’osservatorio europeo sulle Ande
50 anni di ESO, l’osservatorio europeo sulle Ande
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni