22 Ottobre 2012
13:09

Due francobolli per gli osservatori astronomici

Poste italiane celebra con l’emissione di due francobolli due compleanni speciali: i 250 anni dalla fondazione dell’Osservatorio di Brera e i 200 dalla fondazione di quello di Capodimonte.
A cura di Redazione Scienze

Un piccolo contributo alla filatelia ed un omaggio alla scienza attraverso due centri di ricerca che fanno parte della storia e dell'identità del nostro Paese: a partire da lunedì 22 ottobre verranno emessi i due francobolli celebrativi di Poste Italiane dedicati agli Osservatori Astronomici di Brera e Capodimonte dell'Istituto Nazionale di Astrofisica. Le due piccole vignette, come spiegato nel comunicato riportato dall'Unione Astrofili Italiani, ritraggono nel dettaglio rispettivamente: il palazzo dell’Osservatorio Astronomico di Brera con la Cupola Zagar, sovrastato dalla galassia a vortice M51 in un'immagine del Telescopio Nazionale Galileo (situato sulla sommità di un'isola delle Canarie); la facciata principale dell’edificio monumentale in stile neoclassico dell’Osservatorio Astronomico di Capodimonte assieme alla galassia ARP 273, in un celebre "scatto" regalato da Hubble.

I due francobolli celebreranno, rispettivamente, i duecentocinquanta (Brera) e i duecento anni (Capodimonte) dalla fondazione degli Osservatori. Nel 1762 fu Padre Giuseppe Ruggero Boscovich (gesuita, astronomo, matematico, fisico e diplomatico) a volere la nascita di quella che fu la più antica istituzione scientifica di Milano, oggi centro d'eccellenza e dal 2003 confluita nell'INAF così come Capodimonte. Nel 1812, invece, il Sovrano Gioacchino Murat ordinava lo stanziamento dei finanziamenti per la costituzione dell'Osservatorio che ancora oggi domina la città partenopea e il suo golfo: il 22 ottobre di quell'anno, la consorte del Re Carolina Bonaparte decretava la posa della prima pietra, di fatto avvenuta il 4 novembre; i lavori terminavano ufficialmente nel 1819, quando Ferdinando I di Borbone aveva già fatto ritorno sul trono di Napoli. Scegliere di dedicare un francobollo a questi due importanti Osservatori è non soltanto un segnale significativo per il riconoscimento storico degli istituti, ma soprattutto un tributo all’opera che essi continuano a svolgere nel campo strettamente scientifico e in quello divulgativo: ieri come oggi, l'astronomia contribuisce, in virtù della sua complessità, allo studio multidisciplinare che, partendo dalla matematica, alla fisica, alla chimica arriva fino alla riflessione filosofica, con i nuovi mondi che si aprono dinanzi a noi in questi anni di esaltanti scoperte nell'Universo.

L'osservatorio di Capodimonte compie 200 anni
L'osservatorio di Capodimonte compie 200 anni
1.938 di Peppe Pace
L'osservatorio di Capodimonte compie duecento anni
L'osservatorio di Capodimonte compie duecento anni
50 anni di ESO, l’osservatorio europeo sulle Ande
50 anni di ESO, l’osservatorio europeo sulle Ande
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni