9 Novembre 2021
09:09

Il bagno della Crew Dragon fuori uso: astronauti costretti a indossare un pannolino per 20 ore

Gli astronauti Megan McArthur, Shane Kimbrough, Akihiko Hoshide e Thomas Pesquet sono appena rientrati sulla Terra dalla Stazione Spaziale Internazionale dopo un volo di 20 ore. I quattro sono stati costretti a indossare il pannolino per tutto il viaggio a causa di un problema con la toilette della navetta Crew Dragon di SpaceX. Ecco cos’è successo.
A cura di Andrea Centini
Gli astronauti della Crew2 al rientro. Credit: NASA/SpaceX
Gli astronauti della Crew2 al rientro. Credit: NASA/SpaceX

Uno dei problemi di comfort più significativi della vita nello spazio è quello di espletare i bisogni fisiologici, a causa della microgravità che proprio non vuol far sapere di farli finire dove dovrebbero. Per questo le toilette spaziali sono “mostruosi” e costosissimi marchingegni – come quella nuova da 23 milioni di dollari sulla Stazione Spaziale Internazionale – che sembrano più tiri al bersaglio che comodi WC. Non è un caso che la “donna dei record”, l'astronauta della NASA Peggy Whitson, rimpianga tutto dello spazio tranne il bagno. Quando poi emergono problemi con le toilette, gli astronauti sono obbligati a usare metodi decisamente più spartani e forieri di ulteriore disagio: i pannolini. Questa poco piacevole sorte è appena toccata a Megan McArthur e Shane Kimbrough della NASA, ad Akihiko Hoshide dell'Agenzia spaziale giapponese (JAXA) e a Thomas Pesquet dell'Agenzia spaziale europea (ESA) per il viaggio di ritorno sulla Terra – da ben 20 ore – a bordo della navetta Crew Dragon Endeavour di SpaceX. I quattro sono appena rientrati dopo 6 mesi trascorsi nello spazio.

Ma perché gli astronauti hanno dovuto indossare i pannolini? Come specificato da SpaceX, il bagno della navetta è fuori servizio per un inconveniente con l'urina. Durante le ispezioni su un'altra Crew Dragon utilizzata per la pionieristica missione privata “Inspiration4” dello scorso settembre, infatti, gli addetti si accorsero di una perdita di urina nel bagno, che gli astronauti non avevano notato. Da analisi più approfondite è emerso che un tubo collegato a un serbatoio di stoccaggio della toilette si era staccato durante il volo, permettendo all'urina di entrare nel sistema di ventilazione. Al di là di una semplice questione di igiene e odore, a causa del potere corrosivo del liquido è fondamentale evitare che esso possa fuoriuscire all'interno di un veicolo spaziale, nel quale potrebbe creare danni potenzialmente molto pericolosi. Dopo aver notato il problema sulla navetta della missione Inspiration4 la NASA e SpaceX hanno inviato l'equipaggio a fare delle verifiche a bordo della Crew Dragon arrivata ad aprile sulla ISS, quella che ha appena riportato i quattro astronauti sulla Terra. Dalle indagini sono state notate perdite di urina anche in questa navetta, pertanto ne è stato vietato l'uso per tutto il viaggio di ritorno.

“Il nostro intento è quello di non utilizzare affatto il sistema per il ritorno a casa a causa di ciò che abbiamo visto con i fluidi di cui stiamo parlando”, aveva dichiarato durante una conferenza stampa il dottor Steve Stitch, responsabile del programma Commercial Crew della NASA. “Abbiamo altri mezzi per consentire all'equipaggio di svolgere le funzioni di cui ha bisogno”, aveva aggiunto il dirigente, riferendosi proprio ai pannolini. “Il volo spaziale è pieno di tante piccole sfide. Questo è solo un altro che incontreremo e di cui ci prenderemo cura nella nostra missione. Quindi non siamo troppo preoccupati per questo”, aveva dichiarato l'astronauta Megan McArthur poco prima di partire, durante un collegamento dalla ISS.

Nel frattempo SpaceX ha risolto il problema sulla toilette della navetta Crew Dragon che verrà utilizzata per la missione Crew-3, che partirà la prossima settimana (ha subito un ritardo per un problema medico a un astronauta e meteo avverso). Semplicemente, invece di utilizzare un tubo con giunti che rischiano di sganciarsi, come si è effettivamente verificato, ne è stato installato uno saldato tra toilette e serbatoio, per prevenire ulteriori perdite. Questa operazione sarà ovviamente effettuata su tutte navette le Crew Dragon, compresa quella che sta per rientrare dallo spazio.

Astronauti dell'ISS costretti a rifugiarsi sulle navette del ritorno a causa di detriti spaziali
Astronauti dell'ISS costretti a rifugiarsi sulle navette del ritorno a causa di detriti spaziali
Il telescopio Hubble è salvo: la NASA è riuscita a ripararlo
Il telescopio Hubble è salvo: la NASA è riuscita a ripararlo
L'ossigeno alla base della vita donato dal rallentamento della rotazione terrestre: com'è possibile
L'ossigeno alla base della vita donato dal rallentamento della rotazione terrestre: com'è possibile
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni