Credit: Natawidjaja et al. / AGU Fall Meeting 2018
in foto: Credit: Natawidjaja et al. / AGU Fall Meeting 2018

Sulla cima del Monte Padang, nella parte occidentale dell'isola di Giava (Indonesia), è stata scoperta un'antichissima e immensa “piramide” nascosta da terra e vegetazione. Si tratta di un tempio costruito strato dopo strato nell'arco di millenni, del quale fino ad oggi era conosciuta solo la parte superficiale, dove è ospitato un sito archeologico avviato all'inizio del XIX secolo.

I ricercatori dell'Istituto delle Scienze indonesiano guidati dall'archeologo Danny Hilman Natawidjaja sospettavano da tempo che una parte della collina non fosse completamente naturale, tuttavia non immaginavano che tutta l'area sotterranea – alta una trentina di metri – fosse un'immensa costruzione artificiale. “Credevamo che in passato questa collina fosse una specie di edificio. Si è scoperto che si estende molto più in basso, consiste di diversi strati ed è in realtà l'intero volume della collina”, ha dichiarato all'agenzia di stampa russa Rio Novosti il geologo Andang Bakhtiar, supervisore dell'area archeologica. Gli scienziati hanno svelato l'arcano servendosi di immagini satellitari, rilevazioni radar, tomografie a raggi X e altri metodi di scansione. Grazie ad essi hanno rilevato i gradoni di un tempio che si estende per ben 150mila metri quadrati.

Credit: Natawidjaja et al. / AGU Fall Meeting 2018
in foto: Credit: Natawidjaja et al. / AGU Fall Meeting 2018

La parte più profonda sarebbe stata costruita ben 28mila anni fa, mentre gli strati più recenti dovrebbero avere rispettivamente 9mila anni, 8.300-7.500 anni e 3.000-3.500 anni. Lo strato più superficiale è composto da rocce basaltiche intagliate per formare colonne e passaggi; proprio durante quest'ultima opera di aggiornamento sarebbe stato deciso di interrare e celare con la vegetazione le parti più antiche della struttura. È interessante sapere che nell'area del sito archeologico gli autoctoni si recano ancora oggi per pregare e deporre corone di fiori; non si esclude che questa tradizione religiosa vada avanti da migliaia e migliaia di anni con lo stesso rito.

Anche se le piramidi vengono automaticamente accostate agli antichi egizi, costruzioni simili (pur se architettonicamente diverse) erano realizzate anche da Sumeri, Maya, Aztechi e popoli legati al buddismo. Del resto la struttura piramidale è quella più idonea per costruire templi enormi e resistenti nel tempo. Anche i cinesi avevano piramidi dedicate a grandi imperatori, il cui segreto dello strano orientamento è stato recentemente svelato da un archeologo italiano. I dettagli sull'affascinante piramide indonesiana sono stati presentati in seno all'ultimo meeting della American Geophysical Union (AGU).