Il fossile “perfetto” di un fiore di 99 milioni di anni fa è stato trovato incastonato in un piccolo blocco di ambra recuperato nel Myanmar. Il fiore, scientificamente chiamato “Lijinganthus revoluta” in omaggio alla poetessa cinese Jing Li, aggiunge un tassello importante alla storia evolutiva delle piante con fiore vero e seme protetto, le cosiddette Angiosperme che tanto hanno perplesso Charles Darwin. Il celebre naturalista britannico, infatti, 140 anni fa non riusciva a far ‘quadrare i conti' della sua teoria a causa della comparsa improvvisa (cioè senza fossili intermedi) di queste piante, avvenuta 100 milioni di anni fa. Non a caso definì la questione “l'abominevole mistero” in una delle sue lettere.

Ma torniamo al fiore. A scoprire nell'ambra il Lijinganthus revoluta è stato un team di scienziati dell'Istituto di Geologia e Paleontologia di Nanchino (NIGPAS) dell'Accademia delle Scienze cinese, già autore di altre scoperte eccezionali nell'ex Birmania. Questo Paese asiatico è infatti ricchissimo di fossili di ambra, nei quali gli scienziati hanno trovato in condizioni eccezionali piante e animali preistorici: tra essi una coda piumata di dinosauro; un curiosissimo ragno con la coda; una chiocciola di 99 milioni di anni e un enantiornite, un antichissimo uccello. Il fiore, appartenente al gruppo delle eudicotiledoni, è così ben conservato – colori a parte, che non conosceremo mai – che sembra essere rimasto intrappolato nell'ambra solo da qualche giorno.

Il Lijinganthus revoluta è tipicamente pentamero (con cinque petali) e actinomorfo; si possono osservare nel dettaglio il calice, la corolla, gli stami e il gineceo, conosciuto anche col nome di pistillo. Attorno al fiore si distinguono anche frammenti di pollini, dunque molto probabilmente già all'epoca veniva visitato da insetti impollinatori. Come indicato esso risale a 99 milioni di anni fa, al Cretaceo intermedio, e secondo gli studiosi coordinati dal professor Wang Xi il suo gruppo avrebbe iniziato a diffondersi già 125 milioni di anni fa, per poi esplodere 20 milioni di anni più tardi in seguito all'estinzione di altri gruppi di piante.

Gli scienziati ritengono che Darwin alle prese col suo "abominevole mistero" stesse analizzando proprio i fiori di piante eudicotiledoni. Nei decenni dopo la sua scomparsa i colleghi hanno trovato molti altri fiori di Angiosperme fossili, determinando che la loro non fu una comparsa così improvvisa. Il Lijinganthus revoluta per età e stato di conservazione ricorda il fossile di Tropidogyne pentaptera, un altro fiore scoperto da scienziati americani dell'Università statale dell'Oregon. I dettagli sul nuovo fiore sono stati pubblicati sull'autorevole rivista scientifica Scientific Reports del circuito Nature.

[Credit: NIGPAS]