12 Dicembre 2014
14:02

Energy drink, i bambini rischiano un avvelenamento da caffeina

Gli energy drink come Redbull e Monter possono essere molto pericolosi per i bambini. A lanciare l’allarme è l’American Heart Association, che avvisa: “Rischiano un’intossicazione da caffeina”.
A cura di Marco Paretti

L'allarme lanciato dall'American Heart Association non dovrebbe stupire più di tanto: le bevande energetiche, soprattutto se consumate dai più piccoli, fanno male. Anzi, possono essere così dannose da provocare un avvelenamento da caffeina nei bambini, come dimostrano i più di 2.000 casi registrati negli Stati Uniti negli ultimi tre anni.
Il consumo di queste bevande energetiche – si parla di RedBull, Monster e co. – può portare a problemi cardiaci o neurologici anche gravi, tanto da richiedere un ricovero in ospedale. Questi prodotti, almeno in Inghilterra, sono dotati di un cartellino che ne sconsiglia la somministrazione ai più piccoli, ma ben pochi negozi rispettano le indicazioni e vendono le bevande ai minori.

L'esposizione agli energy drink è un problema per la nostra salute" ha spiegato Steven Lipshultz, medico del Children’s Hospital of Michigan di Detroit "Spesso si associa il consumo di queste bevande con i bambini e i ragazzi, ma abbiamo scoperto che la metà delle chiamate effettuate al centro avvelenamento degli USA riguardavano bambini sotto i sei anni".
Secondo il ricercatore, un bambino sotto i 12 anni può subire un avvelenamento se consuma più di 12mg di caffeina per ogni chilogrammo. Abbastanza da rendere la maggior parte degli energy drink potenzialmente dannosi.
.

"Queste bevande non devono rientrare nella dieta dei più giovani" ha continuato Lipshultz "Così come chi soffre di problemi cardiaci e neurologici dovrebbe consultare un medico prima di consumare gli energy drink". 50mg di caffeina al giorno sono sufficienti ad avvelenare un bambino di sei anni, un ragazzo di 10 anni rischia un avvelenamento con 80mg e un dodicenne con 100 mg.
Una lattina da 500ml di Monster contiene 160mg di caffeina, ben oltre il limite consentito. Una lattina di RedBull, invece, contiene 80mg. Particolarmente a rischio sono i bambini affetti da diabete o disturbi dell'attenzione.

Sempre secondo Lipshultz, una tazza di caffè contiene 100mg di caffeina, elemento ce la rende ugualmente pericolosa per la salute dei più piccoli. Una lattina di Coca Cola da 330ml, invece, contiene solo 32mg di caffeina e rappresenta un rischio minore per i giovani.
Gli energy drink, inoltre, contengono diversi tipi di caffeina e per questo possono portare a svariati effetti collaterali, spesso legati al sistema nervoso, digestivo e cardiovascolare. "Nessun giovane sotto i 18 anni dovrebbe consumare bevande di questo tipo" ha concluso Lipshultz "Se l'obiettivo è quello di proteggere la salute dei consumatori, allora gli energy drink dovrebbero essere regolamentati come si fa con il tabacco e l'alcol".

Avvelenamento del cane: come riconoscere i sintomi e cosa fare
Avvelenamento del cane: come riconoscere i sintomi e cosa fare
"Too young to drink", la campagna contro la sindrome feto-alcolica
"Too young to drink", la campagna contro la sindrome feto-alcolica
Vaccino Covid ai bambini, quali sono i rischi e cosa sappiamo finora
Vaccino Covid ai bambini, quali sono i rischi e cosa sappiamo finora
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni