Una femmina incinta e un piccolo Credit: Sea Shepherd
in foto: Una femmina incinta e un piccolo Credit: Sea Shepherd

Circa cento balene pilota o globicefali (Globicephala melas) sono state massacrate a colpi di coltello, uncino e altre armi bianche alle Isole Faroe. Durante l'ennesimo massacro, avvenuto martedì 27 agosto, gli uomini hanno ucciso anche cinque femmine incinte e quattro piccoli. Le immagini e i video scioccanti dei feti strappati dal ventre delle madri, dei giovani e degli adulti straziati dalle lame sono stati condivisi dai volontari di Sea Shepherd Conservation Society. Attraverso la campagna “Operation Bloody Fjords” (Operazione Fiordi Insanguinati) l'organizzazione senza scopo di lucro è impegnata da anni a far luce sulle stragi di cetacei – le cosiddette grindadrap – che si consumano nell'arcipelago dell'Atlantico. Il giorno prima dell'ultimo massacro i faroesi (o feringi) avevano approfittato anche dello spiaggiamento di due splendidi iperodonti boreali (Hyperodon ampullatus), due grandi zifidi. Invece di provare a salvarli, come sarebbe avvenuto quasi in ogni altra spiaggia del mondo, li hanno uccisi e macellati.

ATTENZIONE: Immagini forti

I feti strappati dal ventre delle madri Credit: SeaShepherd
in foto: I feti strappati dal ventre delle madri Credit: SeaShepherd

Nuovo massacro. La nuova strage di globicefali, grandi cetacei appartenenti alla famiglia dei delfinidi, si è consumata nella baia di Vestmanna, un piccolo comune di circa 1.200 abitanti sull'isola di Streymoy (una delle diciotto che compongono l'arcipelago, un protettorato del Regno di Danimarca). Quando il branco di mammiferi marini è stato avvistato al largo di Skopunarfjordur le imbarcazioni si sono subito lanciate all'inseguimento, durato complessivamente cinque ore. Gli animali, accerchiati e terrorizzati, dovevano inizialmente essere spinti verso Leynar, ma il comandante della flotta ha poi deciso di virare verso Vestmanna. Una volta a riva i cetacei esausti e spiaggiati sono stati assaliti dalla folla armata di lame, che non ha risparmiato nemmeno i cuccioli e le femmine incinte. Sono stati uccisi tutti attraverso la recisione del midollo spinale, con i coltelli piantati dietro la testa. Una morte orribile, che può determinare un'agonia di diversi minuti, mista al terrore di veder uccisi tutti i membri del proprio gruppo famigliare (i globicefali sono animali estremamente intelligenti e sociali come noi, e soffrono delle separazioni). Il massacro è durato 12 minuti in tutto, durante il quale l'intera baia si è tinta di rosso e l'odore acre del sangue si è levato nell'aria. Resti, feti e alcune carcasse integre dei cetacei uccisi sono stati gettati da una scogliera nei pressi di Leynar.

Credit: Sea Shepherd
in foto: Credit: Sea Shepherd

Senza pietà. Il 26 agosto due iperodonti boreali si erano spiaggiati nei pressi di Froðba, sempre sull'isola di Streymoy, ma gli abitanti invece di provare a salvarli ne hanno approfittato per accoltellarli, ucciderli e macellarli. Gli iperodonti boreali sono cetacei appartenenti alla famiglia degli zifidi che vivono nell'Oceano Atlantico settentrionale; raggiungono i 10 metri di lunghezza per 10 tonnellate di peso. Dall'inizio dell'anno alle isole Faroe sono stati massacrati circa 640 cetacei durante 11 grindadrap, la caccia “tradizionale”.