pollo sintetico

Una giovane società di San Francisco, la Memphis Meats fondata da due medici e un biologo specializzato nelle cellule staminali, ha annunciato oggi di aver prodotto in laboratorio le prime polpette di pollo e anatra sintetiche. La notizia giunge a circa quattro anni dalla creazione del primo hamburger di manzo artificiale, che all'epoca venne sviluppato dall'università olandese di Maastricht grazie al lavoro del team del professor Mark Post. L'hamburger artificiale, che venne consumato dal ricercatore in un evento organizzato a Londra, costò la cifra esorbitante di 250 mila Euro. Non è dato sapere quali siano stati i costi di sviluppo per le polpette di pollo ed anatra, ma non debbono essere molto diversi, dato che la tecnica utilizzata è la medesima.

I ricercatori guidati da Nicholas Genovese hanno infatti prelevato le cellule staminali dal muscolo degli animali e le hanno fatte crescere come filamenti su apposite strutture: per ottenere una singola polpetta sono stati necessari 20mila filamenti. L'obiettivo dell'azienda americana è quello di commercializzate il prodotto finito entro un quinquennio, tuttavia, prima di poter vedere carne sintetica sugli scaffali dei supermercati a stelle e strisce sarà necessario risolvere tutte le questioni legali su questa nuova fonte di cibo, ritenuta “sicura e sostenibile” dalle aziende interessate. Il primo punto da risolvere è quello della giurisdizione, con un probabile conflitto di competenze tra il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) e la Food And Drugs Administration. Se infatti il primo si occupa di carni, pollame e prodotti caseari, il secondo regola farmaci biologici (a base di tessuti), terapie geniche e additivi alimentari; non è dunque ancora chiaro come verrà regolamentato l'intero settore.

Le aziende che stanno investendo sul cibo sintetico sono molte e tutte quante ribadiscono l'assoluta sicurezza dei propri prodotti, puntando soprattutto sul fattore della sostenibilità, non essendo necessari gli allevamenti di animali. Soltanto nei prossimi anni sapremo se il traguardo raggiunto da Memphis Meats si trasformerà in un prodotto commerciale, che in un mercato da 90 miliardi di dollari all'anno nei soli Stati Uniti potrebbe avere un impatto enorme non solo sull'economia, ma anche sulle abitudini alimentari.

[Foto di Memphis Meats]