bigfoot-oregon

Il video è online fin dall'anno scorso sul canale YouTube BigfootEvidence: un Bigfoot sarebbe stato immortalato da un cane a spasso per i boschi dell'Oregon. Invece di negare a prescindere la possibilità che questa creatura esista davvero abbiamo analizzato il filmato, ciò che se ne ricava può tornare utile quando il soggetto della narrazione suscita meno ilarità, grazie all'impatto emotivo. Le storie possono cambiare, a restare inalterato dovrebbe essere invece il nostro spirito critico.

Precedenti. Esistono casi analoghi anche in Russia, uno in particolare del 2012. In entrambi i casi c'è una corrispondenza marcata col classico "svistamento" del Bigfoot nello storico filmato di Patterson e Gimlin, che si è rivelato un falso clamoroso, grazie soprattutto al debunking di Greg Long, il quale riporta i suoi risultati nel saggio The Making of Bigfoot. Di questa mitologica creatura americana ci eravamo già occupati in un articolo precedente.

Immunizziamo la mente. Dal momento che il soggetto del filmato corrisponde alla narrativa Pop e che – come nel suo storico precedente – nulla vieta pensare si possa trattare di un buontempone in costume, ci preme capire se non possa trattarsi direttamente di un fake in Cgi. Bollare questo ed altri filmati analoghi come bufala, senza spiegare il perché, non sarebe sbagliato solo per una mera questione di bon ton. Spesso le tesi di complotto si reggono su presunte prove che hanno basi della medesima inconsistenza; è il fattore emozionale ad ingannarci. Ecco quindi l'importanza di capire i meccanismi di una bufala, in modo da saperli trovare sempre.

Analisi descrittiva. All'inizio del video si vede il cane guardare in alto, come se fosse guidato dal padrone affianco. Del resto la GoPro non può essersela messa da solo. L'animale sembra proprio prendere delle indicazioni su dove volgere lo sguardo. Il fatto che non abbia nessuna reazione non esclude affatto che il presunto Bigfoot sia un altra persona in costume, ma ci fa legittimamente sospettare che la sedicente creatura sia stata aggiunta in post-produzione.

Analisi dei fotogrammi. Dal fotogramma "11:28" al "12:15" la figura è immobile, comincia a muoversi solo dopo che la testa del cane permette di visualizzarla interamente. Dal fotogramma "12:28" al "13:06" l'essere semplicemente si dissolve nel nulla. Un fenomeno affascinante che potrebbe rimettere in discussione quanto finora sapevamo riguardo al teletrasporto. Nei frame successivi la testa del cane torna a coprire la visuale, ed è tutto.

Quanto è grande il Bigfoot? La qualità del filmato è al solito molto scarsa per poter valutare con assoluta certezza le proporzioni, la nostra è un'analisi preliminare. Tuttavia facciamo notare che se prestiamo attenzione alla vegetazione (la quale sembra ignorarlo al pari del cane) tenendo conto del fatto che la mano destra della creatura vi si sovrappone, potremmo farci qualche domanda riguardo alle sue dimensioni, apparentemente minuscole.