11 Giugno 2018
12:19

Beve Coca Cola dopo aver mangiato il mango e muore: le assurde conseguenze di una fake news

Una leggenda estiva che potrebbe capitarvi di leggere in Rete è quella che vi avvisa di non consumare mai Coca Cola o altre bevande gassate assieme al mango. Per oscure ragioni chimiche mischiare questi due alimenti potrebbe esservi fatale, come sarebbe successo anche a uno sfortunato turista indiano in Cina.
A cura di Juanne Pili

Ogni stagione ha le sue leggende metropolitane predilette, una molto estiva è senz’altro quella sulla Coca Cola, che se bevuta mentre si mangia del mango potrebbe addirittura uccidere. La prima per conto suo è stata già fonte di ispirazione per diverse bufale. Non dimentichiamo tutti i video che vorrebbero dimostrare i danni che potrebbe fare questa bevanda nello stomaco. Cerchiamo di capire come è nata questa leggenda e perché – se vi capita di leggerla nei vari Social network – potete tranquillamente evitare di condividerla.

L’origine della leggenda in Rete

Il messaggio circola almeno dal 2016 e avvisa tutti di non consumare bevande gassate in generale, ma usare una bevanda molto nota – come la Coca Cola – è risultato presto più conveniente per rendere virali i post che rilanciano questa vera e propria “fake news” (bufala creata consapevolmente a scopo di clickbait). Le ragioni di questo pericolo sarebbero non meglio specificate condizioni chimiche, le quali si creerebbero una volta ingeriti i due alimenti. Insomma, ci ritroveremmo nello stomaco un “potente veleno” che potrebbe rivelarsi mortale. Secondo alcuni il decesso avverrebbe istantaneamente. Per dare più credibilità al tutto si cita spesso un presunto caso reale: la storia del turista indiano morto dopo aver mangiato manghi mentre beveva Coca-Cola.

La vicenda del turista indiano

Probabilmente non è un caso se il turista indiano in questione si trovava in Cina. Infatti non è facile fare ricerche dettagliate in altre lingue, men che meno se orientali. Non basta il traduttore automatico di Google, specialmente se non si hanno le basi grammaticali di un linguaggio. Ad ogni modo non risultano articoli che possano confermarci i fatti narrati. Anche ponendo per vero che sia successo si tratterebbe di una mera correlazione: un indiano dopo aver mangiato mango e bevuto Coca Cola viene ricoverato in ospedale. Possono essere tante le ragioni: una infezione batterica, oppure altre cause solo temporalmente coincidenti col suo ultimo pasto. Inoltre nella letteratura medica non esistono casi del genere, troviamo solo uno studio che parla di erosione dei denti, il mango oltretutto viene citato assieme ad altri frutti.

Cosa succede davvero quando beviamo Coca Cola

Tutto verte attorno alla già citata leggenda secondo la quale la nota bevanda americana sarebbe estremamente corrosiva nello stomaco, questo verrebbe aggravato se messa in combinazione con altri alimenti. Spesso tali storie vengono associate alle caramelle “Mentos”, che effettivamente generano una reazione molto suggestiva se gettate dentro bottiglie di bevande gassate. La loro porosità infatti favorisce una potente reazione chimica. Nessuno però fa i conti con quel che troviamo nello stomaco. I succhi gastrici sono costituiti da acido cloridrico; tanto per farci un’idea precisiamo che la Coca Cola è meno acida delle sostanze che produciamo già dentro di noi, per favorire i processi digestivi. Quando si mescolano assieme le due sostanze certamente sviluppano dei gas, ma i video che vengono fatti circolare non possono essere rappresentativi di quel che avviene nello stomaco.

Non esiste una dieta della dopamina, ecco perché
Non esiste una dieta della dopamina, ecco perché
Quei gattini torturati per il piacere delle donne sono l'ennesima, inaccettabile bufala
Quei gattini torturati per il piacere delle donne sono l'ennesima, inaccettabile bufala
Gli scienziati non vogliono 'drogarci' con l'ossitocina per curare il razzismo (ma sarebbe bello)
Gli scienziati non vogliono 'drogarci' con l'ossitocina per curare il razzismo (ma sarebbe bello)
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni