104 CONDIVISIONI
Coronavirus
6 Ottobre 2020
13:39

Bambini e giovani sono tra i principali “superdiffusori” di coronavirus, secondo questo studio

Un team di ricerca internazionale composto da scienziati indiani e americani ha dimostrato che i “superdiffusori” sono il principale motore della pandemia di coronavirus: fra essi ci sono moltissimi bambini e giovani adulti. Il dato è emerso dalla più grande analisi sul tracciamento dei contatti.
A cura di Andrea Centini
104 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Il più grande e approfondito studio sul tracciamento dei contatti legato alla pandemia di coronavirus SARS-CoV-2 ha dimostrato che i cosiddetti “superdiffusori”, cioè coloro che trasmettono l'infezione a un gran numero di persone, giocano un ruolo estremamente significativo nella diffusione della patologia. Inoltre, è stato determinato che bambini e giovani adulti sono tra i principali motori ad alimentare la catena dei contagi, perlomeno in India.

A dimostrare il ruolo cruciale dei superdiffusori nella pandemia di coronavirus è stato un team di ricerca internazionale guidato da scienziati del Center for Disease Dynamics, Economics and Policy di Nuova Delhi (India) e della prestigiosa università statunitense di Princeton, che hanno collaborato a stretto contatto con i colleghi della Scuola di Salute Pubblica Johns Hopkins Bloomberg, del Government Medical College di Kadapa, della Divisione di Epidemiologia dell'Università della California di Berkley e di altri istituti indiani e americani. Gli scienziati, coordinati dal dottor Ramanan Laxminarayan, ricercatore presso il Princeton Environmental Institute (PEI), sono giunti alle loro conclusioni dopo aver studiato l'evoluzione della pandemia in due popolosi Stati indiani: il Tamil Nadu e l'Andhra Pradesh.

Laxminarayan e colleghi hanno analizzato infezioni e tasso di mortalità in oltre 575mila persone esposte a poco meno di 85mila soggetti con diagnosi di COVID-19, mettendo a punto un complesso e approfondito studio statistico sul tracciamento dei contatti. Come indicato, è emerso che è stata una piccola percentuale di persone a catalizzare la diffusione del virus, cioè i superdiffusori. I ricercatori hanno scoperto che il 71 percento dei positivi non aveva infettato nessuno tra i propri contatti, mentre un numero contenuto (8 percento) è stato responsabile del 60 percento dei casi complessivi. “Gli eventi di super diffusione sono la regola piuttosto che l'eccezione quando si guarda alla diffusione del COVID-19, sia in India che probabilmente in tutti i luoghi colpiti”, ha dichiarato il dottor Laxminarayan in un comunicato stampa.

Più nello specifico, è stato dimostrato che le probabilità di trasmettere il virus a un contatto stretto variava dal 9 percento se si trattava di un familiare al 2,6 percento se la persona veniva incontrata nella comunità. Bambini e giovani adulti, come indicato, erano tra i principali diffusori dei contagi. “I bambini sono trasmettitori molto efficienti in questo ambiente, che è qualcosa che non è stato stabilito con sicurezza negli studi precedenti. Abbiamo scoperto che i casi segnalati e i decessi sono stati più concentrati in coorti più giovani di quelle attese, sulla base delle osservazioni condotte nei Paesi a reddito più elevato”, ha aggiunto l'autore principale dello studio.

Tra gli altri dati rilevati, il fatto che i contatti tra coetanei rappresentavano il maggior rischio di infezione. La mortalità variava dallo 0,05 percento nella fascia di età tra i 5 i 17 anni e il 16,6 percento che i pazienti con età uguale o superiore agli 85 anni. Va tenuto presente che lo studio è stato condotto in un contesto specifico e i dati potrebbero variare molto in altre parti del mondo. In India, sulla base della mappa interattiva dell'Università Johns Hopkins, ad oggi sono stati registrati quasi 6,7 milioni di contagi e 103mila morti, che lo rendono il secondo Paese al mondo per contagi (dopo gli Stati Uniti che ne ha quasi 7,5 milioni) e il terzo per decessi, dopo USA (211mila vittime) e Brasile (147mila). I dettagli della ricerca “Epidemiology and transmission dynamics of COVID-19 in two Indian states” sono stati pubblicati sull'autorevole rivista scientifica Science.

104 CONDIVISIONI
27425 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni