Covid 19
6 Dicembre 2021
09:38

Anticorpi monoclonali sperimentali neutralizzano la variante Omicron in laboratorio

I due anticorpi monoclonali VIR-7831 (sotrovimab) e VIR-7832 hanno dimostrato attività di neutralizzazione contro le mutazioni chiave della variante Omicron.
A cura di Andrea Centini
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Gli anticorpi monoclonali sperimentali VIR-7831 (sotrovimab) e VIR-7832 hanno mostrato efficacia contro le mutazioni chiave manifestate dalla variante Omicron (B.1.1.529), il nuovo ceppo del coronavirus SARS-CoV-2 emerso in Sudafrica che sta spaventando il mondo a causa della elevatissima contagiosità (si ritiene fino al 500 percento superiore rispetto al virus originale di Wuhan) e della capacità di eludere le difese immunitarie, al momento rilevata solo contro quelle scaturite da una precedente infezione naturale. Il fatto che i due anticorpi monoclonali mostrino attività di neutralizzazione (in laboratorio) contro la variante di preoccupazione è un'ottima notizia, non solo perché potremmo già disporre di un'arma per trattare i pazienti colpiti dalla Omicron, ma anche perché suggerisce che almeno in parte le immunoglobuline neutralizzanti (anticorpi IgG) prodotti naturalmente dal nostro organismo hanno una certa capacità di combattere questo lignaggio “super mutato”, che presenta ben 32 mutazioni sulla proteina S o Spike.

A determinare che le mutazioni della variante Omicron vengono contrastate dagli anticorpi monoclonali VIR-7831 (sotrovimab) e VIR-7832 è stato un team di ricerca internazionale composto da scienziati della società Vir Biotechnology di San Francisco, della Humabs Biomed SA di Bellinzona (Svizzera) e del colosso farmaceutico GlaxoSmithKline. I ricercatori, coordinati dal dottor Andrea L. Cathcart, sono giunti alle loro conclusioni dopo aver creato in laboratorio degli pseudovirus contenenti le varie mutazioni rilevate nella variante Omicron e aver condotto dei test di neutralizzazione contro ciascuna di esse. Come indicato, entrambi gli anticorpi monoclonali – del tipo mAb a doppia azione – si sono dimostrati efficaci nel contrastare le modifiche chiave presenti sulla glicoproteina S o Spike del patogeno pandemico, quella sfruttata per legarsi al recettore ACE2 delle cellule umane, rompere la parete cellulare, riversare l'RNA virale all'interno e avviare il processo di replicazione, che determina la malattia (COVID-19). “VIR-7831 e VIR-7832 neutralizzano potentemente i virus wild-type e le varianti autentiche in vitro, nonché i virus pseudotipizzati delle varianti. Inoltre, mantengono l'attività contro le mutazioni di resistenza agli anticorpi monoclonali conferendo una ridotta suscettibilità ai mAb attualmente autorizzati. L'epitopo VIR-7831/VIR-7832 non si sovrappone ai siti mutazionali nelle attuali varianti di interesse e continua ad essere altamente conservato tra le sequenze circolanti, in coerenza con l'elevata barriera alla resistenza osservata in vitro”, si legge nell'abstract dello studio.

I test in corso nei laboratori di Vir Biotechnology e GlaxoSmithKline serviranno ad aggiornare gli anticorpi monoclonali in sviluppo e immetterli sul mercato con un'efficacia “a tappeto”, in grado di colpire tutte le varianti in circolazione del SARS-CoV-2. Sia il sotrovimab che il VIR-7832 sono anticorpi semi-sintetici, ingegnerizzati in laboratorio, che derivano da un anticorpo genitore chiamato “S309” ed isolato dalle cellule B di memoria di un paziente sopravvissuto alla sindrome respiratoria acuta grave del 2003 (SARS), provocata dal SARS-CoV, "cugino" del SARS-CoV-2 con cui condivide un'ampia percentuale del patrimonio genetico. I due anticorpi monoclonali sono caratterizzati da una specifica mutazione chiamata LS, progettata per prolungare l'emivita della terapia, ovvero per mantenere l'efficacia neutralizzante per un periodo di tempo più lungo. L'anticorpo monoclonale VIR-7832 codifica inoltre per una mutazione (denominata Fc GAALIE) che da indagini precedenti era stata associata alla produzione di cellule T CD8+ (l'esercito che uccide le cellule già infette) in caso di infezione respiratoria virale. Ciò dovrebbe rendere i due anticorpi monoclonali particolarmente efficaci nel trattare i pazienti con COVID-19 per i quali ne è prevista la somministrazione. Va sottolineato che la ricerca è in preprint preprint e i risultati non sono stati ancora sottoposti a revisione paritaria. I dettagli dello studio “The dual function monoclonal antibodies VIR-7831 and VIR-7832 demonstrate potent in vitro and in vivo activity against SARS-CoV-2” sono stati caricati sul database MedRXiv in attesa della pubblicazione su una rivista scientifica.

29554 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni