I due astronauti della NASA Mark Vande Hei e Joe Acaba e il cosmonauta russo Alexander Misurkin della Roscosmos, l'agenzia spaziale russa, hanno raggiunto in perfetto orario la Stazione Spaziale Internazionale, completandone l'equipaggio. Il trio era partito a bordo di una navetta Soyuz alle 23:17 ora italiana del 12 settembre dalla base di Baikonur, nelle steppe Kazakistan, e hanno raggiunto il il laboratorio orbitante circa 6 ore dopo, alle 4:55. Lo sbarco vero e proprio è avvenuto un paio di ore più tardi, alle 7:08 in punto, dopo le consuete procedure previste dall'aggancio tra la Soyuz – dopo il pensionamento dello shuttle è l'unica navetta spaziale che trasporta equipaggio – e la ISS.

L'evento è stato in pratica la fotocopia di quanto avvenuto lo scorso 28 luglio, quando il nostro connazionale Paolo Nespoli assieme ai due colleghi Randy Bresnik (NASA) e Sergey Ryazanskiy (Roscosmos) raggiunse la ISS per sostituire il trio della missione precedente. I tre posti per i nuovi arrivati si sono invece liberati il 2 settembre, quando la “donna dei record” Peggy Whitson è rientrata sulla Terra assieme a Jack Fischer e Fyodor Yurchikhin.

L'astronauta Joe Acaba, 50 anni, ha già trascorso 138 giorni nello spazio ed è alla sua terza missione a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, esattamente come l'esperto Paolo Nespoli, attualmente impegnato negli esperimenti della missione VITA. Di origini portoricane, Acaba è un patito di balli latino-americani e in una conferenza stampa ha sottolineato che porterà un po' di ‘allegria a bordo' con la sua musica preferita. Mark Vande Hei, coetaneo del collega NASA, è al suo ‘battesimo del fuoco' ed è diventato astronauta dopo una lunga carriera nell'esercito. È un veterano della guerra in Iraq. Il cosmonauta russo Misurkin, 39 anni, è invece alla sua seconda missione sulla ISS e anch'egli ha prestato servizio nelle forze armate.

Il nuovo trio resterà a bordo della ISS fino a febbraio 2018, mentre Nespoli e i due colleghi partiti a luglio rientreranno alla fine dell'anno. Tra i primi esperimenti in cui sarà impegnato il nuovo equipaggio al completo vi sarà l'ACE-T6, uno studio per analizzare il comportamento delle particelle sospese nei liquidi attraverso un microscopio all'avanguardia. I primi test di collaudo sono comunque già stati avviati dal terzetto che ha accolto gli ultimi arrivati.

[Credit: NASA]