Wesley Warren prima dell’operazione
in foto: Wesley Warren prima dell’operazione

Wesley Warren, l'uomo diventato famoso per un'operazione che gli asportò 59 chili di tessuto dallo scroto, è morto di infarto ieri notte all'età di 49 anni. Warren era nel University Medical Center di Las Vegas da cinque settimane e mezzo a causa di un'infezione da diabete. Quasi un anno fa l'uomo aveva finalmente iniziato a condurre una vita "normale", quando un'operazione durata tredici ore lo aveva liberato dei 59 chili di tessuto in eccesso, causati da un linfedema scrotale, malattia molto rara che aveva portato i testicoli a riempirsi di liquido acquoso.

La storia di Warren era diventata famosa dopo diverse apparizioni nei programmi televisivi americani e soprattutto dopo che Channel Four, rete televisiva britannica, riprese le tredici ore di operazione. Proprio da una rete televisiva americana, Learning Channel, viene un messaggio di cordoglio: "siamo rattristati nell'apprendere della scomparsa improvvisa di Wesley. Era una persona molto piacevole che ha coraggiosamente raccontato la sua storia, e noi rivolgiamo le nostre condoglianze alla sua famiglia e ai suoi amici".

Prima dell'operazione di giugno dell'anno scorso, Warren era costretto ad usare una felpa con cappuccio per coprire le pudenda. La malattia gli aveva reso difficile muoversi non solo fisicamente, per via dell'impedimento rappresentato dal tessuto in eccesso, ma anche socialmente. In televisione ammise infatti che "ovunque vada, attiro l'attenzione" e descrisse la sua vita come uno spettacolo dedicato ad un mostruoso caso umano ("freak show").

La sua vita cambiò proprio grazie alla televisione, perché fu la notorietà a condurlo da un medico in California che si offrì di eseguire l'intervento senza pretendere soldi dal paziente. Channel 4, intanto, registrava. Mentre i medici locali avevano garantito il risultato solo asportando l'intera parte e – dunque – castrandolo, in California si riuscì ad eliminare il tessuto in eccesso preservando l'efficienza del suo apparato riproduttivo. Prelevando poi tessuti da altre parti del corpo, è stato possibile ricostruire i genitali. Meno di un anno fa, Warren era finalmente uscito dal suo "freak show".