Se le attese dovessero essere confermate, tra qualche anno ogni tabagista potrebbe liberarsi della propria dipendenza con un semplice vaccino. Niente più frustranti resistenze dopo pasti e caffè al seducente richiamo della nicotina, dato che Selecta Rus, società attiva a Mosca dal 2012, è giunta già alla seconda fase di sperimentazione di un vaccino che – assicura il vicedirettore Dmitri Ovcinnikov – sarà commercializzata tra cinque anni. Secondo una nota dell'azienda i test finora condotti sono molto incoraggianti: il vaccino inserisce nell'organismo un anticorpo che blocca la penetrazione della nicotina nella barriera emato-encefalica, superata la quale si attivano i meccanismi della dipendenza.