Un granchio del cocco o granchio latro (Birgus latro) ha attaccato e divorato un uccello, come dimostra il video ripreso da un biologo del Dartmouth College (Stati Uniti) nell'arcipelago di Chagos, gruppo di isole sito nel cuore dell'Oceano Indiano a sud delle Maldive. La scena – terrificante – è stata osservata da Mark Laidre proprio mentre era impegnato nello studio del comportamento di questi invertebrati. Il grosso esemplare si è avvicinato di soppiatto all'uccello sopito – una sula piedirossi (Sula sula) – e lo ha attaccato subito sulle ali (spezzandogliele) per impedirgli la fuga. Il video si concentra sulle fasi successive dell'aggressione, ma si ferma poco prima del ‘banchetto' di gruppo. Il sangue della preda ha infatti attirato altri quattro granchi del cocco nel giro di 20 minuti, che hanno cominciato a fare a pezzi e divorare il povero uccello – contendendoselo – quando era ancora vivo. Una fine davvero orribile. Laidre ha sottolineato che ci sono volute alcune ore prima di far sparire completamente la carcassa della sula.

Nonostante il nome, il granchio del cocco è in realtà un paguro, e non uno qualsiasi, ma l'artropode terrestre più grande e potente. Può infatti raggiungere il mezzo metro di lunghezza (un metro considerando l'ampiezza delle zampe), i quattro chilogrammi di peso e sferrare colpi di chela con una forza paragonabile a quella del morso di una tigre o di un leone, sprigionando oltre 3mila newton. Non a caso questi affascinanti invertebrati sono noti per nutrirsi di noci di cocco, che spaccano con facilità grazie alla potenza della ‘presa'. Adesso, grazie al lavoro del ricercatore americano, sappiamo che apprezzano anche la carne fresca degli uccelli con i quali condividono l'habitat. Era noto che oltre alla frutta, il suo alimento principale, il granchio del cocco non disdegnasse anche la carne, dato che è stato visto banchettare con artropodi più piccoli, insetti, uova e carcasse di suoi simili, tuttavia i ricercatori mai si sarebbero aspettati di vederlo attaccare e divorare un uccello. La sfortunata sula – specie che può arrivare a 70 centimetri di lunghezza – è stata catturata mentre dormiva su un ramo troppo basso. Del resto questi uccelli evitano accuratamente di nidificare sulle spiagge invase dai granchi del cocco.

Credit: Coconut Crab Conservationin foto: Credit: Coconut Crab Conservation

Pur trattandosi del primo documento filmato di un simile atto predatorio, un collega del biologo ha sottolineato di aver già assistito a una scena simile due anni fa, con un'altra sula trascinata in un cratere e divorata da un altro esemplare di granchio del cocco. L'insaziabile fame di questi animali potrebbe aver fatto sparire anche i corpi di naufraghi e sventurati mai più ritrovati, come ad esempio quello della celebre aviatrice americana Amelia Eearhart, che sarebbe precipitata proprio su una di queste isole abitate da paguri giganti. I dettagli sulla loro ‘arte predatoria' contro le sule sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Frontiers in Ecology and the Environment.

[Credit: Laidre, Front Ecol Environ 2017]