102 CONDIVISIONI
Coronavirus
23 Ottobre 2020
16:15

Un coronavirus del raffreddore potrebbe rendere più grave la COVID-19

Poiché il coronavirus umano OC43 (HcoV-OC43) responsabile di un raffreddore possiede una proteina S o Spike molto simile a quella del coronavirus SARS-CoV-2, nei pazienti contagiati da entrambi i patogeni il sistema immunitario potrebbe fare “confusione”, un processo immunologico che potrebbe rendere più aggressiva la COVID-19.
A cura di Andrea Centini
102 CONDIVISIONI
In giallo le particelle virali del coronavirus, in blu e viola le strutture della cellula invasa
In giallo le particelle virali del coronavirus, in blu e viola le strutture della cellula invasa
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

L'infezione causata da un comune coronavirus del raffreddore potrebbe rendere più grave la COVID-19, la patologia innescata dal coronavirus SARS-CoV-2. La ragione risiederebbe in un fenomeno immunologico chiamato “immunità crociata”, che è dovuto alla somiglianza tra il patogeno responsabile della pandemia che stiamo vivendo e il suddetto virus del raffreddore, il coronavirus umano OC43 (HcoV-OC43). In parole semplici, una precedente esposizione a OC43 potrebbe confondere gli anticorpi prodotti dal sistema immunitario e favorire l'aggressività del nuovo coronavirus emerso in Cina.

A dimostrare questo potenziale rischio è stato un team di ricerca internazionale composto da tre scienziati: l'immunologo Alberto Beretta di Solongevity Research di Milano; Martin Cranage dell'Institute for Infection and Immunity dell'Università di Londra e Donato Zipeto del Laboratorio di Biologia Molecolare e Virologia presso il Dipartimento di Neuroscienze e Biomedicina dell'Università di Verona. Il dottor Beretta cura una pagina Facebook chiamata “Immunologia Oggi” nella quale ha pubblicato un lungo post titolato “Quando i virus si assomigliano”, nel quale viene spiegata la ragione per cui le interazioni immunologiche tra patogeni simili possono determinare un decorso peggiore di una patologia, come nel caso della COVID-19.

Il problema della somiglianza tra OC43 e SARS-CoV-2 risiede nel fatto che essa è concentrata soprattutto a livello della proteina S o Spike, la glicoproteina superficiale che il patogeno sfrutta per legarsi al recettore ACE2 delle cellule umane, disgregare la parete cellulare, riversare all'interno l'RNA virale e avviare il processo di replicazione, che poi scatena l'infezione vera e propria. Poiché i due patogeni sono molto somiglianti, se un paziente ha già sperimentato un raffreddore causato da OC43, gli anticorpi che vengono prodotti in caso di infezione da SARS-CoV-2 potrebbero essere quelli “sbagliati”. Come spiegato dallo stesso Beretta in un'intervista a Repubblica, “quando le infezioni con due virus che si assomigliano si susseguono nella stessa persona, il sistema immunitario rischia di sbagliarsi e produrre anticorpi inutili perché incapaci di riconoscere, tra i due, il virus più pericoloso”.

L'immunologo sottolinea che diversi pazienti con COVID-19 producono anticorpi progettati per bloccare la Spike di OC43 che invece si legano a quella del SARS-CoV-2, il processo immunologico che potrebbe rendere più pericolosa l'infezione. Diverse studi clinici, del resto, hanno rilevato che più forte era questa risposta anticorpale “sbagliata”, e peggiore era il decorso della malattia per i pazienti. Gli esperti affermano che le interazioni crociate sono possibili solo con virus molto simili dal punto di vista genetico (sia l'OC43 che il SARS-CoV-2 sono betacoronavirus), pertanto situazioni analoghe non possono emergere con i virus responsabili dell'influenza. I dettagli della ricerca “Is Cross-Reactive Immunity Triggering COVID-19 Immunopathogenesis?” condotta da Beretta e colleghi sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Frontiers in Immunology.

102 CONDIVISIONI
25958 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni