Moltissimi uomini delle società occidentali (oltre il 30 percento) restano single poiché non hanno evoluto le capacità necessarie per ‘far colpo' sulle donne. In altri termini, non tutti hanno le carte in regola per essere bravi con i flirt e le relazioni amorose; la ragione sarebbe una diretta conseguenza del modo in cui si trovava una compagna nell'epoca preindustriale, cioè attraverso i matrimoni combinati e organizzati, che permettevano anche a chi era socialmente e fisicamente ‘inappetibile' di sposarsi e avere figli. Nei casi in cui ciò non avveniva, la competizione maschile era altissima e spesso le mogli venivano ottenute con la forza, in un contesto in cui la scelta era poca.

Poiché nelle società occidentali moderne le cose sono radicalmente cambiate e gli uomini debbono conquistare attivamente una compagna, spesso questi ultimi hanno abilità ‘spuntate' e non riescono a fare la giusta impressione per far scattare la scintilla nel gentil sesso. A sostenerlo il professor Menelaos Apostolou, docente di psicologia presso l'Università di Nicosia (Cipro), che ha condotto un'approfondita analisi sulle circa 13.500 risposte date da molti uomini a un celebre post su Reddit del 2017, nel quale un utente anonimo chiedeva agli astanti: “Ragazzi, perché siete single?”.

Lo studioso cipriota ha codificato circa 7mila di queste risposte e le ha classificate in 43 categorie distinte, ovvero i motivi per gli uomini credevano di essere single, in moltissimi casi pur desiderando fortemente una relazione. Tra le principali ragioni dell'insuccesso vi erano l'aspetto fisico (come essere bassi e/o calvi); la mancanza di sicurezza; la timidezza; il disinteresse verso le relazioni a lungo termine; le pretese eccessive e il fatto di aver sofferto così tanto per le relazioni precedenti da non volerne affrontare una nuova. Non mancavano riferimenti a malattie – anche sessuali -, dipendenze e disabilità.

Ma per Apostolou le reali ragioni sarebbero sostanzialmente evolutive, laddove lo scenario preindustriale avrebbe determinato un disallineamento sociale tra uomini e donne, con i primi non sempre capaci di esprimere le qualità desiderate dalle donne. “Gli uomini single di oggi spesso mancano di abilità flirtanti, perché in un contesto preindustriale ancestrale le pressioni selettive sui meccanismi che regolavano lo sforzo di accoppiamento e la scelta erano deboli”, ha dichiarato lo studioso. “Tali competenze – ha aggiunto Apostolou – sono necessarie oggi, perché nelle società postindustriali la scelta del compagno non è regolamentata o forzata, ma le persone devono invece trovare i compagni da sole”. I dettagli della curiosa ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Evolutionary Psychological Science.

[Credit: Free-Photos]