Che in Oceania vivano strane specie marine e che il mare più profondo sia per noi ancora tutto da scoprire, è noto. Sarà per questo motivo che osservando questa carcassa di animale si sia subito pensato a un "mostro marino" di origine preistorica. Il ritrovamento è stato fatto sulla spiaggia Pukehina della Baia di Plenty presso Tauranga, in Nuova Zelanda. Dopo una tempesta Elizabeth Ann, autrice del video in apertura, ha ritrovato il corpo senza vita e visibilmente martoriato dell'animale, chiedendo aiuto su Youtube per il riconoscimento. Le risposte meno fantascientifiche ipotizzavano un coccodrillo di acqua salata, oppure una murena gigante. Ann precisa che la lunghezza dell'animale è di circa 9 metri, anche se la parte finale sembra essere composta soprattutto da viscere fuoriuscite a causa di un attacco subito da vivo o da morto. I denti sono appuntiti, il che fa ragionevolmente pensare a una specie carnivora. Anton van Helden, esperto del settore, basandosi proprio sulla dentatura e le pinne, ha sostenuto si tratti di un'orca assassina. Impossibile dire, invece, quale sia la causa della morte. In ogni caso van Helden dissipa le ipotesi più fantasiose su cui gli utenti di Youtube avevano tanto indugiato. Luana Lovell-Dewes, altra testimone del ritrovamento, esprime un rammarico che evidentemente non è solo suo: "Che peccato che non sia l'animale preistorico che pensavo che fosse!”.