In un pianeta che si vorrebbe immobile, le cose si muovono più di quanto ci si possa attendere. La comparsa di un sasso, ribattezzato Pinnacle Island, sotto l'occhio vigile del rover Opportunity ha fatto scalpore non solo tra chi raccoglie avidamente segni di vita extraterrestre, ma anche tra gli esperti. Steve Squyres della Cornell University e responsabile degli strumenti sui rover che attraversano Marte ha ricordato il momento della scoperta: "abbiamo detto: aspetta un momento, questa roccia non c’era prima, non può essere vero. Siamo rimasti assolutamente sorpresi".

L'evento, per quanto sorprendente, è spiegabile con fenomeni noti. La teoria più probabile indica nel rover stesso il responsabile dello spostamento. E' possibile che la macchina abbia fatto schizzare questa pietra che, in presenza di una gravità molto contenuta, è stata lanciata particolarmente lontano. Altra possibilità è che Pinnacle Island sia semplicemente rotolato da una collinetta vicina o – possibilità più remota – che Marte sia stato scagliato dall'impatto con un meteorite.