Svegliarti male può davvero condizionarti. Sembra scontato, ma forse non lo è del tutto. Pensiamo a quante volte, al mattino, ci soffermiamo sulle ansie di probabili eventi stressanti che avremo durante la nostra giornata lavorativa. I ricercatori hanno scoperto che anticipare lo stress ha un'influenza diretta sulla memoria, rendendoci meno reattivi, capaci di imparare e di conservare le informazioni, finendo per influenzare negativamente le ore successive a quelle della colazione. "Una memoria di lavoro ridotta può renderti più propenso a commettere un errore sul lavoro", ha detto Martin Sliwinski, direttore del Center for Healthy Aging di Penn State e coautore della ricerca.

Le domande della App. I ricercatori della Pennsylvania State University hanno deciso di progettare una app per smartphone per porre le domande al proprio gruppo campione. L'applicazione al mattino poneva un questionario al gruppo di 240 volontari sul livello di stress previsto per la giornata e per 5 volte al giorno e 1 la notte sull'effettivo senso di tensione emotiva. Lo stesso gruppo ha infine completato, per 5 volte al giorno, un esercizio mnemonico al fine di valutarne le capacità. "Il fatto che i partecipanti registrino il loro stress e la loro cognizione, mentre svolgevano la loro giornata, ci permette di avere un'istantanea di come questi processi funzionano nel contesto della vita quotidiana reale", ha detto Jinshil Hyun, primo firmatario della ricerca.

Le ansie mattiniere ci rendono smemorati. I test hanno portato alla scoperta che anticipare lo stress al mattino è associato a una scarsa memoria di lavoro nel corso del giornata, ma quello della sera prima non da alcuna influenza sul risultato del giorno dopo. "Gli umani possono pensare e anticipare le cose prima che accadano, il che può aiutarci a prepararci e persino prevenire certi eventi", ha detto Hyun. "Ma questo studio suggerisce che questa capacità può anche essere dannosa per la memoria quotidiana, indipendentemente dal fatto che gli eventi stressanti accadano effettivamente o meno."