el-tajin

Studi archeologici e storiografici hanno spesso sottolineato come presso le popolazioni precolombiane, in particolare quelle mesoamericane e sudamericane, fosse uso compiere dei sacrifici umani, per lo più di bambini: le ragioni ideologiche e religiose che spingevano queste genti verso un così macabro rituale non sono mai state chiarite del tutto, ma, verosimilmente, si suppone che lo scopo fosse quello di ingraziarsi il favore degli dei nei momenti di normalità come in quelli di difficoltà che, si immagina, un popolo la cui economia si basava principalmente sull'agricoltura, poteva attraversare.

La cultura Maya, che fiorì in un arco di tempo che oscilla, a seconda delle varie opinioni, tra il 1800 ed il 1000 a. C. nel Sud della penisola dello Yucatan tra Guatemala, Belize, El Salvador ed Honduras, non faceva eccezione su questa usanza: testimonianze artistiche come stele o vasi, ritraggono giovani fanciulli nell'atto di essere sacrificati. Le circostanze durante le quali questo rito aveva luogo dovevano essere particolari: per lo più si è ipotizzato che l'insediarsi di un nuovo sovrano oppure l'inizio del calendario, fossero date significative durante le quali si operava la terribile asportazione del cuore dai toraci di ragazzi o bambini.

L'ultimo ritrovamento che ci parla di questo antico popolo scomparso intorno al 900 d.C. per circostanze che, inevitabilmente, mai del tutto saranno chiarite, è avvenuto in un cenote, sorta di voragine molto profonda che contiene acqua dolce, caratteristica del Messico: i cenotes erano probabilmente considerati dai Maya dei varchi della Terra grazie ai quali umano e divino potevano entrare in contatto, come ha sottolineato Guillermo Anda, docente della Universidad Autonoma de Yucatàn, che ha diretto le ricerche durante le quali altre 33 grotte sono stati esplorate.

CenoteSagrado__Chichen_Itza_Messico

All'interno del cenote chiamato Holtun, che si trova nel sito archeologico, patrimonio dell'UNESCO, di Chichén Itzà, nei pressi del celebre tempio a gradoni consacrato alla divinità Kukulkàn, sono stati ritrovati i resti di sacrifici umani tributati al dio della pioggia Chaak: con tutta probabilità, all'epoca in cui risalgono questi rituali, dopo l'850 d. C., il livello dell'acqua nella grotta doveva essere più basso; circa venti metri sotto la superficie, infatti, un passaggio orizzontale nella parete della voragine celava questi segreti, il che fa pensare che, al tempo, l'acqua lì non arrivasse. Il sacrificio al dio, presumibilmente, doveva servire per scongiurare la siccità che, stando a quanto sostiene Anda, avrebbe giocato un ruolo fondamentale nella scomparsa della civiltà Maya.

Chichen_Castillo

Nella grotta colma d'acqua sono stati ritrovati i resti di sei individui: quattro di questi erano adulti ma due bambini. Accanto ad essi vasi, perline, conchiglie, coltelli, ossa di animali quali cani e cervi: oggetti certamente connessi al terribile rituale svoltosi in quel luogo probabilmente reputato ideale per comunicare con il divino, forse offerte per lo stesso dio. Tracce di carbonella hanno fatto pensare ad un fuoco che avrebbe accompagnato il compimento delle operazioni; l'analisi dei resti ha consentito anche di verificare che, sebbene si trattasse di prigionieri di guerra -di norma questi erano le vittime immolate- essi non risultavano essere denutriti.

Non è la prima volta che scoperte del genere squarciano le nebbie del tempo su scenari tenebrosi e così lontani da noi: ma lo stupore per questa pratica così atroce resta invariato ogni volta che ci si imbatte in ritrovamenti che fanno luce su questa tipologia di comportamento rituale. Incomprensibile e tremendamente diverso, eppure frutto di uomini come noi. (fonte Nationalgeographic)