L'Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha dato parere positivo per l'approvazione di un rivoluzionario spray nasale dedicato al trattamento della depressione. Diversi studi scientifici ne hanno già messo in evidenza la rapidità d'azione, oltre che l'efficacia nei pazienti che non rispondono alle terapie tradizionali (circa il 30 percento del totale). Dopo l'ok del Comitato per i medicinali per uso umano (CHMP) dell'EMA, si attende ora quello della Commissione Europea, che ha l'ultima parola sulla commercializzazione di un determinato farmaco sul territorio della UE. Per vederlo in Italia sarà comunque necessaria l'ultima revisione da parte dell'AIFA, l'Agenzia Italiana del Farmaco. Tenendo presenti le approvazioni della Food And Drug Administration (FDA) americana dello scorso gennaio e il recente l'ok dell'EMA, ci sono pochi dubbi sul fatto che anche i pazienti italiani potranno beneficiare dell'innovativo farmaco.

Lo spray nasale è a base del principio attivo esketamina, un anestetico affine alla ketamina, una sostanza stupefacente in voga negli anni passati. Esso non agisce sui neurotrasmettitori della dopamina, della serotonina e della noradrenalina come uno psicofarmaco tradizionale appartenente alla classe degli SSRI (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina), ma sul recettore del glutammato. Le sue caratteristiche farmacologiche gli permettono di agire in soli due giorni – mentre in media per i medicinali standard ce ne vogliono trenta -, inoltre dagli studi clinici condotti è risultato efficace in quei pazienti che non rispondono alle terapie. Lo spray nasale è pensato proprio per questi ultimi, e in base all'indicazione dell'EMA va assunto in sinergia con un farmaco antidepressivo tradizionale.

A causa delle proprietà sedative e dissocianti dell'esketamina, secondo le indicazioni dell'FDA lo spray nasale può essere assunto solo in centri specializzati e sotto rigoroso controllo medico. Chi è sottoposto al trattamento non può ad esempio guidare mezzi o fare lavori che possono mettere a repentaglio sé stessi e gli altri per 24 ore. Nonostante questi limiti, gli ottimi risultati ottenuti in sede sperimentale lo rendono uno dei farmaci più promettenti e rivoluzionari per contrastare il disturbo depressivo maggiore. La rapidità d'azione è del resto considerata una componente fondamentale, tenendo presente il rischio di suicidio per questi pazienti. Da 30 anni che non veniva messo a punto un nuovo meccanismo d'azione contro la depressione. Il farmaco, se approvato da Commissione Europea e AIFA, sarà disponibile col nome commerciale di “Spravato” sotto l'etichetta della casa farmaceutica Janssen/Johnson & Johnson.