Credit: BAS
in foto: Credit: BAS

Un rarissimo lago di lava persistente è stato scoperto nel cuore del Mount Michael, un vulcano attivo alto 805 metri sito nell'isola di Saunders, facente parte del remoto arcipelago delle Sandwich Australi – un territorio britannico d'oltremare – nell'Oceano Atlantico meridionale. Si tratta solo dell'ottavo lago di lava classificato dagli scienziati, negli oltre 1.500 vulcani attivi o presunti tali conosciuti. Benché infatti i bacini di magma ribollente all'interno dei vulcani siano ben impressi nell'immaginario collettivo, anche a causa dei blockbuster hollywoodiani, essi sono estremamente rari. Durante le eruzioni si formano laghi temporanei, ma sono appunto fenomeni transitori; i laghi di lava persistenti possono durare anche cento anni, secondo gli studiosi.

Lago di lava del Vulcano Nyiragongo, Congo. Credit: Cai Tjeenk Willink
in foto: Lago di lava del Vulcano Nyiragongo, Congo. Credit: Cai Tjeenk Willink

La ricerca. A scoprire l'affascinante lago di magma incandescente è stato un team di ricerca britannico composto dai tre scienziati D.M. Gray, A. Burton-Johnson e P.T. Fretwell dello University College London e del British Antarctic Survey. I ricercatori si sono avvalsi delle immagini satellitari ad alta risoluzione catturate tra il 2003 e il 2018 dai satelliti Landsat, Sentinel-2 della missione Copernicus e ASTER. La presenza del lago di lava era stata ipotizzata già negli anni '90, grazie alle anomalie rilevate dai sensori di AVHRR, tuttavia i dati non erano sufficienti per averne la certezza. Grazie ai nuovi rilievi è stato determinato che il lago di lava si estende per 110 metri nel cuore del Mount Michael, e la lava al suo interno ribolle a una temperatura compresa tra 989 e 1279° centigradi.

Credit: BAS
in foto: Credit: BAS

Montagna impenetrabile. L'attività del vulcano è conosciuta da circa due secoli, ciò nonostante il Mount Michael non è mai stato scalato e studiato nel dettaglio, ecco perché gli scienziati ci hanno messo così tanto a svelare la presenza del lago di lava. Le ragioni principali sono due: innanzitutto l'isola è molto lontana dalla costa ed è difficile (e costosa) da raggiungere, in secondo luogo la montagna vulcanica è ricoperta da un'impenetrabile coltre di neve estremamente soffice, resa come zucchero a velo dalle attività vulcaniche. Scavare passaggi in un simile ambiente è molto pericoloso, a maggior ragione perché si tratta di un vulcano attivo. I dettagli sul lago di lava sono stati pubblicati sulla rivista scientifica specializzata Journal of Volcanology and Geothermal Research.