242 CONDIVISIONI
7 Febbraio 2017
14:05

Questo buco nero ha molta fame: da 10 anni sta mangiando una stella più grande del Sole

Attraverso tre distinti telescopi orbitali a raggi-X la NASA ha osservato il pasto da record di un buco nero supermassiccio, che si ‘nutre’ della stella da ben dieci anni.
A cura di Andrea Centini
242 CONDIVISIONI

Gli astronomi della NASA, grazie a tre distinti telescopi a raggi-X, hanno osservato un buco nero supermassiccio che a due miliardi di anni luce da noi è intento a divorare una stella più grande del nostro Sole. Il fenomeno fu individuato per la prima volta il 2 aprile del 2005 dal telescopio Chandra, così chiamato in onore del fisico statunitense di origine indiana Subrahmanyan Chandrasekhar, ma nel corso degli anni tale processo è stato registrato a più riprese anche dai telescopi Swift Observatory e XMM-Newton dell'Agenzia Spaziale Europea (ESA). Ciò significa che il buco nero, chiamato XJ1500 + 0154, si sta ‘nutrendo' della stella da oltre dieci anni, un evento del tutto inusuale poiché i buchi neri solitamente annientano le stelle con tempistiche di molto inferiori.

L'evento viene monitorato osservando la cosiddetta “tidal disruption event” o TDE, un fenomeno generato dalle immani forze gravitazionali scatenate dal buco nero mentre strappa l'energia della stella consumandola. Durante questo processo il materiale e i gas stellari raggiungono temperature di milioni di gradi; quando precipitano nel buco nero, un vero e proprio ‘cuore di tenebra', vengono emessi bagliori di raggi-X, sintomo della ‘digestione' ad opera di quest'ultimo. Non a caso alcuni studiosi chiamano queste emissioni veri e propri ‘rutti' atronomici.

“Decine di eventi TDE sono stati rilevati dal 1990 – ha sottolineato l'autore principale dello studio Dacheng Lin, astronomo presso l'Università del New Hampshire – ma nessuno è rimasto brillante per quasi tutto il tempo come questo”. Il consumo della stella sta accrescendo le dimensioni di XJ1500 + 0154 e il processo, spiegano i ricercatori, è destinato a protrarsi per molti altri anni. Attraverso l'analisi di fenomeni come questo gli astronomi sperano di riuscire a comprendere più a fondo l'evoluzione e l'origine dei buchi neri supermassicci, la cui massa può essere miliardi di volte quella del Sole. Maggiori informazioni sulla rivista Nature Astronomy.

[Illustrazione di NASA]

242 CONDIVISIONI
Questo buco nero ha 'partorito': dal suo cuore di tenebra è nata una stella, anzi molte
Questo buco nero ha 'partorito': dal suo cuore di tenebra è nata una stella, anzi molte
C'è un giovane buco nero nascosto nella galassia accanto alla nostra
C'è un giovane buco nero nascosto nella galassia accanto alla nostra
Ci siamo quasi, gli astronomi stanno per svelarci la prima foto di un buco nero
Ci siamo quasi, gli astronomi stanno per svelarci la prima foto di un buco nero
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni