Credit: Jaime Chaves
in foto: Credit: Jaime Chaves

I fringuelli vampiro (Geospiza difficilis septentrionalis) delle Galapagos che si nutrono di sangue presentano un microbiota intestinale con caratteristiche simili a quello dei pipistrelli che prediligono lo stesso alimento. Si tratta di un classico esempio di convergenza evolutiva, che mostra come specie tanto differenti fra loro possono evolvere le stesse caratteristiche (anatomiche, metaboliche o funzionali) per sopravvivere. La scoperta sottolinea inoltre quanto il microbiota intestinale sia fortemente influenzato dalla dieta che si segue.

La ricerca. A scoprire questa interessante analogia tra il fringuello vampiro e i pipistrelli che si nutrono di sangue – come il vampiro vero di Azara (Desmodus rotundus) – è stato un team di ricerca internazionale guidato da scienziati dell'Università della California di San Diego, che hanno collaborato con i colleghi dell'Università del Colorado di Boulder, dell'Università di Miami, dell'Instituto Mexicano del Seguro Social e di altri atenei. I biologi, coordinati dal professor Se Jin Song, docente presso il Dipartimento di Pediatria dell'università californiana, hanno raccolto campioni di feci da fringuelli vampiro, pipistrelli vampiro e altri fringuelli e pipistrelli che non si cibano di sangue. Incrociando tutti i risultati gli studiosi non hanno trovato particolari somiglianze tra le flore batteriche, eccetto una, fondamentale, tra i vampiri: l'elevata presenza di batteri Peptostreptococcaceae, che sono particolarmente efficaci nel trattare sodio e ferro, due elementi molto ricchi nel sangue. Come indicato, per gli scienziati si tratta di una chiara convergenza evolutiva fra le due specie, come quella che ha portato i delfini (mammiferi), gli squali (pesci) e gli ittiosauri (rettili marini estinti) a evolvere caratteristiche anatomiche idrodinamiche comuni per sopravvivere in un ambiente acquatico. Nel caso dei vampiri l'adattamento è legato al metabolismo per digerire il sangue, ma gli scienziati non sanno in che modo si sia evoluto nelle due specie.

Credit: Natural History Museum
in foto: Credit: Natural History Museum

Chi è il fringuello vampiro. Le Galapagos presentano una ricchissima biodiversità di fringuelli, che ha permesso al celebre naturalista britannico Charles Darwin di formulare le sue teorie sull'evoluzione. Fra tutti questi fringuelli ce n'è uno particolarissimo che invece di bacche e semi predilige nutrirsi di sangue, nello specifico quello delle sule piediazzurri e delle sule mascherate. Sembra che questi grossi uccelli “lascino fare” i fringuelli, permettendo loro di ferirli col becco aguzzo e di cibarsi del loro fluido corporeo. Secondo gli scienziati questa particolare alimentazione si è sviluppata a partire da una "collaborazione" iniziale legata alla rimozione dei parassiti. I fringuelli vampiro presentano uno spiccato dimorfismo sessuale, simile a quello dei merli; il maschio è infatti nero, mentre le femmine sono marroni e grigie. I dettagli della ricerca sul loro microbiota intestinale sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Philosophical Transactions della Royal Society B.