I soldati dell'esercito americano potranno contare da oggi su una nuova, “deliziosa” razione sul campo di battaglia: la MRE Pepperoni Pizza. Si tratta di un piccolo trancio di 13 per 8 centimetri condito con mozzarella e pepperoni, termine che non si riferisce affatto ai nostri peperoni, bensì a un salume americano – tipo salsiccia – composto da carne di manzo e maiale con paprika o altre spezie piccanti. Le caratteristiche principali di questo prodotto militare sono la sua lunga conservazione – fino a tre anni – e la resistenza a condizioni di temperatura e umidità estremamente variabili. Insomma, un cibo da combattimento pensato proprio per gli scenari di guerra più difficili.

Ai più potrebbe apparire come un insipido e visivamente poco invitante trancio di pizza “scopiazzato” dall'arte culinaria italiana, in realtà è il risultato di oltre 20 anni di ricerche da parte dell'Army’s Combat Feeding Directorate, il “Direttorato delle razioni” con sede al Natick Soldier Systems Center di Boston. Tutto è nato durante la Guerra del Golfo, quando i soldati espressero il desiderio di poter mangiare un pezzo di pizza sul campo di battaglia, dovendosi accontentare di razioni decisamente poco appetibili. Per questa ragione i vertici militari, anche al fine di migliorare il morale delle truppe, hanno provato ad accontentarli iniziando a sviluppare una pizza MRE, acronimo di Meals ready to eat, cioè alimenti già pronti per essere mangiati, come per ogni razione militare che si rispetti.

Gli ingredienti che caratterizzano la pizza, tuttavia, mescolandosi fra loro generano reazioni chimiche difficilmente controllabili che fanno deteriorare rapidamente l'alimento, rendendolo inadatto ai principi di un MRE. Solo dopo decenni di test i ricercatori militari sono riusciti a mettere a punto la MRE pizza pepperoni, dove oli, salumi, formaggio e l'impasto sono dosati con precisione chirurgica al fine di garantire la giusta consistenza, la durabilità e la resistenza richieste. In realtà la pizza MRE viene testata dai militari USA sin dal 2014, ma solo quest'anno sono stati risolti tutti i problemi, in particolar modo quelli relativi alla produzione su larga scala.

L'aspetto poco invitante del trancio di pizza si accompagna a una valutazione del sapore che ha ottenuto un punteggio di 7. Non una prelibatezza ma nemmeno qualcosa di incommestibile. Del resto si tratta di un pasto da consumare in condizioni particolari, e per un soldato in difficoltà potrebbe trattarsi del miglior pasto della propria esistenza. Il trancio di MRE pizza pepperoni viene servito assieme ad altri prodotti – tutti imbustati ermeticamente e separati – che completano una razione da 1.200 calorie. Per chi volesse sperimentarla, è possibile acquistarla su siti internet statunitensi specializzati.

[Credit: U.S. Army – David Kamm/Michael Stepien (RDECOM)]