15 Novembre 2021
17:01

Perché riscaldare casa con un condizionatore a pompa di calore può essere un problema

Non sempre utilizzare un condizionatore a pompa di calore è la soluzione migliore per riscaldare casa. Ecco quali sono i vantaggi e gli eventuali problemi.
A cura di Andrea Centini

Quando si pensa a un impianto di riscaldamento per la casa la prima cosa che viene in mente è la classica caldaia associata ai termosifoni o caloriferi, che già da un mese possono essere accesi in diverse regioni d'Italia (in caso di riscaldamenti centralizzati). Questo sistema ampiamente diffuso non è tuttavia l'unico possibile; esistono infatti anche i condizionatori a pompa di calore, macchinari in grado di spostare – o meglio, pompare – il calore da un luogo all'altro attraverso un compressore e sfruttando un refrigerante liquido o gassoso. In parole semplici, la pompa estrae il calore da una fonte esterna (aria, acqua, terreno) e lo trasferisce all'interno. I condizionatori a pompa di calore possono dunque refrigerare la casa in estate e riscaldarla in autunno e inverno. Sono sistemi particolarmente efficienti dal punto di vista energetico, dato che come indicato da Altroconsumo ciascun kWh assorbito dalla rete elettrica viene trasformato in 4 kWh termici, fino a 6 kWh per i sistemi migliori. In parole semplici, le pompe di calore offrono un grande rendimento energetico. Sono dunque la panacea di tutti i mali, anche alla luce dei costi esorbitanti raggiunti dal gas naturale? Non proprio. Vediamo perché.

Innanzitutto, come spiegato da Altroconsumo stesso, l'efficacia sopra riportata è relativa a una temperatura esterna di circa 12° C. Quando la temperatura esterna si abbassa, infatti, le performance di questi sistemi va via via riducendosi, abbattendosi attorno ai 2° – 5° C. Quando si arriva sotto allo zero, semplicemente, molti condizionatori di questo genere non funzionano più. Ciò significa che tali sistemi sono consigliabili principalmente a coloro che vivono in aree dove le temperature invernali non diventano troppo rigide, risultando vantaggiosi anche dove vi è un'elevata concentrazione di pioggia e umidità (ma non troppa). Va anche tenuto presente che i consumi per il funzionamento non sono eccessivi e, di certo, sono migliori di quelli di certe stufette elettriche e radiatori che divorano migliaia di watt. Grazie alle nuove tecnologie questi sistemi possono consumare poche centinaia di watt (entro i 500) a regime, ma se collegati a un impianto fotovoltaico possono persino essere a costo zero.

Tra gli altri vantaggi delle pompe di calore, come evidenziato da renewableenergyhub, vi è il fatto che sono sistemi decisamente più sicuri di quelli basati sulla combustione; sono più economici da gestire rispetto alle caldaie a petrolio e gas (che fra l'altro richiedono una costosa, costante e obbligatoria manutenzione, mentre nei condizionatori è invece fondamentale la sola pulizia del filtro); hanno un minor impatto sui cambiamenti climatici per via delle ridotte emissioni di carbonio; hanno una durata che arriva anche a 50 anni; e i costi possono essere ridotti grazie agli incentivi statali. Inoltre, come indicato, possono riscaldare d'inverno e refrigerare in estate, infine aumentano la classe energetica dell’edificio e di conseguenza il suo valore. Ma come dicevamo, non sono sempre la soluzione ideale, anche per chi vive in zone piovose e con inverni non troppo rigidi, dove offrono la massima efficienza. Gli svantaggi, infatti, non sono assolutamente da sottovalutare.

Come specificato da renewableenergyhub, i sistemi a pompa di calore hanno innanzitutto un costo di installazione/avvio particolarmente elevato, che non tutti possono permettersi, al netto delle agevolazioni e delle detrazioni fiscali. Risultano anche piuttosto difficili da installare, non solo perché l'unità centrale deve essere montata all'esterno (con il condizionatore all'interno) e dunque sussistono potenziali difficoltà logistiche, soprattutto per le abitazioni più vecchie, ma anche perché possono essere necessarie ricerche ambientali/geologiche per determinare se la pompa di calore soddisfa i requisiti di riscaldamento/raffreddamento richiesti. I lavori di installazione possono inoltre essere molto invasivi. Renewableenergyhub sottolinea che alcuni dei fluidi utilizzati per il trasferimento del calore sono “di dubbia sostenibilità” e dunque sollevano qualche preoccupazione ambientale. Il consiglio è dunque quello di utilizzare fluidi biodegradabili. Come indicato, si tratta di sistemi che sfruttano la corrente elettrica per funzionare dunque non saranno mai “carbon neutral”, a patto che non li si colleghi a un efficiente sistema fotovoltaico. Da non dimenticare anche il fatto che i condizionatori a pompa di calore scaldano l'acqua per la casa a una temperatura inferiore rispetto alla caldaia, inoltre la pompa è molto rumorosa. Infine, anche se una stanza viene scaldata più velocemente rispetto a un sistema con termosifoni, l'efficienza è migliore per ambienti più piccoli, a meno che non si decida di installare più condizionatori, col conseguente rischio di pagare parecchio in bolletta.

Cosa significa la percentuale di pioggia nel meteo
Cosa significa la percentuale di pioggia nel meteo
Perché è così importante usare l’umidificatore per i termosifoni
Perché è così importante usare l’umidificatore per i termosifoni
Il delirio può essere una conseguenza di Covid grave
Il delirio può essere una conseguenza di Covid grave
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni