Covid 19
2 Dicembre 2021
17:54

Perché i benefici del vaccino nei bambini superano i rischi di Covid

Come per gli adulti, il vaccino per i bambini dai 5 agli 11 anni è sicuro e protegge dalla malattia più di quanto non causi la miocardite, un raro effetto collaterale dei vaccini a mRNA.
A cura di Valeria Aiello
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Con l’approvazione dell’Aifa, dopo il via libera dell’Ema una settimana fa, in Italia può partire la campagna di vaccinazione anti-Covid per i bambini dai 5 agli 11 anni. La dose somministrata in questa fascia di età sarà ridotta di un terzo rispetto a quella approvata per gli adulti, con un ciclo vaccinale di due somministrazioni a distanza di tre settimane. In questa fascia di età non ci sarà alcun obbligo vaccinale o green pass, ma la vaccinazione sarà su base volontaria. Con l’estensione dell’indicazione per il vaccino Cominarty di Pfizer-BionTech all’uso per la fascia di età 5-11 anni, anche i bambini potranno quindi essere vaccinati e protetti dal rischio di Covid.

I rischi e i benefici del vaccino nei bambini

Gli adulti che stanno valutando se vaccinare il proprio figlio, avranno certamente sentito parlare di un raro effetto collaterale, chiamato miocardite, un’infiammazione del tessuto cardiaco che si è verificata in alcuni adolescenti e giovani adulti dopo la vaccinazione con i vaccini a mRNA. I genitori potrebbero chiedersi se è si tratta di qualcosa di cui preoccuparsi per i propri figli e quanto questo effetto collaterale sia frequente in questa fascia di età.

Le stime variano, ma le cifre più alte suggeriscono meno di 200 casi per milione di maschi completamente vaccinati nella fascia di età compresa tra i 12 e i 15 anni, il gruppo di età più giovane per il quale esistono attualmente dati. Solo circa 30 casi di miocardite per milione sono stati segnalati in bambine completamente vaccinate nella stessa fascia di età. Nello studio che ha portato all’approvazione del vaccino, su circa 2.000 bambini vaccinati, non è stato osservato alcun caso di miocardite. Gli esperti si aspettano che questo effetto collaterale sia ancora più raro nei bambini dai 5 agli 11 anni rispetto agli adolescenti, perché la miocardite da qualsiasi causa è meno comune nella fascia di età più giovane e la dose di vaccino è inferiore.

Il rischio stesso di contrarre il Covid è molto più alto. Secondo i dati dei CDC, lo scorso anno, dall’inizio di marzo al 10 ottobre, quasi 2 milioni di bambini dai 5 e gli 11 anni sono risultati positivi negli Usa, più di 8.300 in questa fascia di età sono stati ricoverati in ospedale per Covid e 94 sono morti. Oltre ai pericoli di malattia acuta, l’infezione può anche innescare una sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini, nota come MIS-C, più comune nella fascia di età 5-11 anni. E, come negli adulti, può portare alla Long Covid, con sintomi come affaticamento, mancanza di respiro e problemi neurologici, che possono persistere per mesi. La vaccinazione aiuta a proteggere i bambini da tutte e tre le condizioni.

Il modello del rischio di Covid e miocardite

Gli scienziati della Food and Drug Administration (FDA) hanno modellato i rischi di Covid e quelli di miocardite correlata al vaccino nei bambini. Il loro modello confronta il numero probabile di casi di Covid, ricoveri e decessi prevenuti tra i bambini vaccinati di età compresa tra 5 e 11 anni con il numero stimato di casi di miocardite, ricoveri e decessi “in eccesso” o correlati al vaccino. Il modello considera maschi e femmine separatamente, poiché i giovani hanno un rischio maggiore di miocardite rispetto alle donne.

Rapporto benefici della vaccinazione e rischio di miocardite nelle bambine e nei bambini / Food and Drug Administration
Rapporto benefici della vaccinazione e rischio di miocardite nelle bambine e nei bambini / Food and Drug Administration

Il modello indica che il numero di casi Covid evitati dalla vaccinazione supera di gran lunga il numero di casi di miocardite in eccesso e che il numero di ricoveri correlati a Covid supera anche quelli per miocardite correlata al vaccino. Il modello suggerisce anche che la vaccinazione impedirà una morte per milione di bambini vaccinati; non sono previsti decessi per miocardite. Il rapporto rischio-beneficio della vaccinazione è ancora più pronunciato per le bambine, per le quali si prevede che la miocardite sia estremamente rara.

29630 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni