Credit: Dott. Brian Choo, Flinders University
in foto: Credit: Dott. Brian Choo, Flinders University

Una spettacolare specie di pappagallo gigante estinto è stata appena scoperta in Nuova Zelanda. Si tratta non solo del primo fossile di questo genere, ma anche del più grande pappagallo che sia mai vissuto sul nostro pianeta. L'uccello, che gli scienziati hanno deciso di chiamare Heracles inexpectatus, era infatti alto un metro e pesava fino a sette chilogrammi. Ciò significa che era quasi il doppio del cacapò o kakapò (Strigops habroptila), il più grande – e robusto – pappagallo vivente, una specie incapace di volare e classificata come in pericolo critico di estinzione nella Lista Rossa dell'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN).

Credit: Professor Paul Scofield, Canterbury Museum
in foto: Credit: Professor Paul Scofield, Canterbury Museum

La scoperta. A scoprire il fossile del super pappagallo, vissuto circa 20 milioni di anni fa, è stato un team di ricerca internazionale guidato da scienziati dell'Università Flinders di Adelaide, Australia, che hanno collaborato a stretto contatto con i colleghi del PANGEA Research Centre, School of Biological, Earth and Environmental Sciences presso l'Università del Nuovo Galles del Sud e del Museo Canterbury di Christchurch, Nuova Zelanda. Gli scienziati, coordinati dal professor Trevor H. Worthy, docente presso il College di Scienze e Ingegneria dell'ateneo australiano, hanno rinvenuto i fossili dell'Heracles inexpectatus in un sito del Miocene di St Bathans, nel cuore di Otago. Da decenni gli studiosi identificano nuove e affascinanti specie di uccelli e altri animali preistorici in questo ricchissimo sito paleontologico, tuttavia l'ultima scoperta è considerata davvero sorprendente.

Un cacapò. Credit: Wikipedia
in foto: Un cacapò. Credit: Wikipedia

Heracles inexpectatus. Il nome Heracles inexpectatus è stato scelto per due ragioni; il genere Heracles è un omaggio al forzuto eroe greco Eracle (conosciuto come Ercole nella cultura romana), poiché grazie alle sue dimensioni si ritiene che il pappagallo avesse un becco fortissimo, in grado di procurarsi qualsiasi tipo di alimento. L'epiteto “inexpectatus” si riferisce invece alla sorpresa della scoperta, totalmente inaspettata. La nuova specie di pappagallo estinto rientra con pieno diritto nel gruppo di uccelli giganti estinti vissuti in Nuova Zelanda e in altri habitat insulari, come i moa, l'aquila di Haast, gli uccelli elefante del Madagascar, pinguini grandi come uomini e altre specie di grandi dimensioni. La maggior parte di esse si estinse a causa della caccia spietata perpetrata dall'uomo e dall'introduzione di predatori. Anche il cacapò è stato portato sull'orlo dell'estinzione a causa dell'arrivo di gatti, topi e altri predatori portati in Nuova Zelanda dall'uomo. Gli ultimi esemplari rimasti vivono su tre isole protette, dove vengono costantemente monitorati dagli scienziati. I dettagli sull'Heracles inexpectatus sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Biology Letters.