Se avete ammirato già ieri sera la Luna vi sarete accorti che sembrava piena: in realtà la fase di plenilunio il nostro satellite la raggiungerà soltanto oggi 2 giugno, per la precisione alle 18:19.

Plenilunio in rosa

State pronti, quindi, a godervi una notte di Luna Piena con una sorpresa in più: sì, perché grazie alle temperature più elevate e all'umidità presente nell'aria, e complice la sua posizione rispetto all'orizzonte, pare che il satellite si mostrerà ricoperto da un lieve alone rosato. Non c'è modo migliore per godersi questo inizio d'estate, in attesa che il solstizio del 21 giugno porti anche ufficialmente la bella stagione. Non si tratterà di una "superluna", però, ossia quella che ammiriamo quando la Luna si trova al perigeo, al suo punto di minima distanza dalla Terra: per quella dovremo aspettare la conclusione dell'estate, sul finire di settembre.

Saturno

Ma il cielo di giugno ha anche altre meraviglie da mostrarci: si comincia, infatti, con Saturno ancora perfettamente osservabile nella costellazione della Bilancia, che si individua facilmente subito dopo il tramonto, in direzione sud-est. Chi ha già osservato il firmamento nei giorni scorsi, sarà rimasto colpito da quella che sembra una stella ma che, ad un'osservazione più dettagliata (anche con un semplice binocolo), mostra una sorta di alone luminoso attorno, quasi come se si trattasse di una cometa: ebbene, quelli sono gli splendenti anelli del Pianeta. Intorno alla mezzanotte, Saturno raggiungerà la massima altezza sull'orizzonte, in direzione meridionale: questo sarà il momento ideale per poterlo ammirare, per poi vederlo seguire il percorso di sud-ovest, discendendo sull'orizzonte.

Giove e Venere si preparano per l'appuntamento

Intanto la volta ci mostra il più bell'astro in assoluto, Venere, assieme a Giove: i due Pianeti si stanno lentamente "avvicinando" (naturalmente si tratta soltanto di un effetto ottico determinato dalle reciproche posizioni). Venere, luminosissima e brillante, si appresta ad attraversare la costellazione del Cancro per raggiungere Giove, che si trova nel Leone: gli ultimi giorni del mese, così, Venere si verrà a trovare anch'essa nel Leone, determinando una spettacolare congiunzione con il più grande dei Pianeti che potremo osservare all'inizio di luglio.

Comete timide

Veniamo adesso alle Comete. Per il 2015, spiegano gli esperti dell'Unione Astrofili Italiani, erano previste tre passaggi particolarmente interessanti: giugno segna l'arrivo con la C/2014 Q1 PANSTARRS. Il problema è che questa cometa sembra particolarmente elusiva e che sarebbe da cercare a ridosso dell'orizzonte e con cielo completamente buio: condizioni decisamente sfavorevoli che insinuano dubbi sulla reale possibilità di assistere allo spettacolo. In ogni caso, volendo avere fiducia nella possibilità di riuscire a vedere qualcosa, bisognerà aspettare comunque la metà del mese e le luci dell'alba, magari puntando qualche strumento verso nord-est, in direzione delle Pleiadi.

Ci resta da guardare la C/2014 Q2 Lovejoy, presente già da un po' nei nostri cieli ma non per questo meno bella: a giugno sarà ancora tra noi, nell'Orsa Minore, in movimento tra la Stella Polare e la Kochab, la seconda stella più luminosa della costellazione. Pare che per gustarsi lo spettacolo potrebbe bastare anche un piccolo strumento come un binocolo.

Allora buone osservazioni a tutti!