Credit: Nicole Meyer
in foto: Credit: Nicole Meyer

Un nuovo minerale dalla composizione insolita è stato scoperto nel cuore di un diamante, recuperato nella miniera di Koffiefontein, in Sud Africa. Chiamato goldschmidtite in onore di Victor Moritz Goldschmidt, scienziato norvegese considerato il padre della geochimica moderna e della chimica dei cristalli, il minerale si presenta di un colore verde opaco e scuro. Sulla base delle analisi condotte dagli scienziati si sarebbe formato a 170 chilometri di profondità, nel mantello terrestre, a una temperatura di poco meno di 1200° centigradi.

A scoprire e descrivere il nuovo minerale è stato un team di ricerca internazionale guidato da scienziati dell'Università dell'Alberta, Canada, che hanno collaborato a stretto contatto con i colleghi del Dipartimento di Scienze della Terra e del Pianeta presso l'Università Northwestern di Evanston (Stati Uniti) e dell'Università di Glasgow, Scozia. Buona parte del merito spetta alla ricercatrice Nicole A. Meyer del Dipartimento di Scienze della Terra e dell'Atmosfera dell'ateneo canadese, che ha condotto un lavoro meticoloso per analizzare nel dettaglio il preziosissimo minerale.

L'aspetto più interessante della goldschmidtite, che fa parte del gruppo delle cosiddette periovskiti (N. IMA 2018-034), risiede nella sua composizione insolita per il luogo in cui si è formato. “La goldschmidtite ha alte concentrazioni di niobio, potassio e delle terre rare lantanio e cerio, mentre il resto del mantello è dominato da altri elementi, come magnesio e ferro. Poiché il potassio e il niobio costituiscono una proporzione maggiore di questo minerale, deve essersi formato attraverso processi eccezionali che hanno concentrato questi elementi insoliti”, ha dichiarato in un comunicato stampa l'autrice principale dello studio.

Oltre alla goldschmidtite, all'interno del diamante Meyer e colleghi hanno individuato una augite ricca di cromo (paragenesi websteritica), cromite, silicato di magnesio e un ossido di vari elementi (K-Sr-REE-Nb) che gli scienziati non hanno ancora identificato. Non è la prima volta che vengono individuati mix di elementi particolari all'interno di queste pietre preziose, tuttavia nella maggior parte dei casi sono stati scartati nelle revisioni di classificazione. Grazie al lavoro certosino condotto dal team di ricerca, tuttavia, la goldschmidtite resterà nei manuali di mineralogia. Come indicato, la composizione peculiare del nuovo minerale suggerisce condizioni eccezionali verificatesi nel mantello terrestre, l'ampia parte del pianeta (posta tra nucleo e crosta) della quale ancora oggi vi sono moltissimi segreti da svelare. I dettagli sul nuovo minerale sono stati pubblicati sulla rivista scientifica specializzata American Mineralogist.