prevenzione sessuale

Strane variabili dei tempi che corrono: il numero dei nuovi infetti è aumentato nel 2008 più velocemente dei dati su impiego e lauree brevi. Secondo il federal Centers for Disease Control and Prevention (CDC) i cittadini americani che nel 2008 hanno contratto una malattia venerea sono 19,7 milioni, di cui circa il 50% (9,782,650 soggetti) tra giovani di età compresa tra i 15 e i 24 anni. Il totale, invece, è di 110,197,000 infetti, di cui il 20% (22.1 milioni) ha 15-24 anni. Le statistiche, che non registrano chi ha contratto malattie veneree attraverso trasmissioni non sessuali, fanno dunque registrare un aumento relativo delle infezioni tra i giovani. Tutti i dati sono contenuti nel documento del CDC “Sexually Transmitted Infections Among U.S. Women and Men: Prevalence and Incidence Estimates, 2008” e vengono curiosamente rapportati dal quotidiano CNSnews ad altri valori dell'economia nazionale. Se 9,782,650 giovani di età compresa tra i 15 e i 24 anni ha contratto una malattia venerea, solo 1,524,092 cittadini statunitensi hanno conseguito nello stesso anno (il 2008) il bachelor, il corrispettivo d'Oltreoceano della nostra laurea breve. Sempre nel 2008 gli impiegati si sono ridotti di 2,9 milioni (scendendo dai 146,273,000 del dicembre 2007 ai 143,369,000 dello stesso mese del 2008).

I numeri degli infetti vengono poi quantificati dalla CDC in costi, come avviene spesso nelle indagini statistiche in tema di salute: “Secondo le nuove stime della CDC ogni anno negli Stati Uniti si contano 20 milioni di nuove infezioni, che costano al sistema sanitario nazionale 16 miliardi di dollari per le sole spese mediche dirette". Ma quali sono le malattie sessualmente trasmissibili più diffuse? Sul totale dei 110,197,000:

  1. 79,100,000 papilloma virus (HPV);
  2. 24,100,000 herpes genitale (HSV-2);
  3. 3,710,000 Trichomoniasi vaginale;
  4. 1,579,000 Chlamydia;
  5. 908,000 Aids (HIV);
  6. 422,000 epatite B;
  7. 270,000 gonorrea;
  8. 117,000 sifilide.

Le infezioni del solo 2008 (19,7 milioni) confermano di massima le proporzioni espresse sul totale:

  1. 2,860,000 Chlamydia;
  2. 1,090,000 Trichomoniasi vaginale;
  3. 820,000 gonorrea;
  4. 776,000 herpes genitale (HSV-2);
  5. 55,400 sifilide;
  6. 41,400 Aids (HIV);
  7. 19,000 epatite B.

[Foto di Ton Rulkens]