La NASA conferma ciò che già potevamo immaginarci: l'agosto 2016 è stato il più caldo degli ultimi 136 anni e l'undicesimo mese di fila da record. Insomma, il mese appena concluso è riuscito a superare il luglio ribattezzato il mese più caldo di sempre e questo non fa che sollevare nuovi interrogativi circa gli effetti di queste temperature sul nostro Pianeta. Secondo i ricercatori della NASA infatti ancora non sono chiari quali saranno le conseguenze di questo lungo periodo da record, e a questo proposito Gavin Schmidt, direttore del Goddard Institute for Space Studies (GISS) di New York, della NASA, ha affermato che “Sottolineiamo che le tendenze a lungo termine sono più importanti per comprendere quali siano i cambiamenti in atto che stanno interessando il nostro Pianeta”.

[Foto di NASA]

L'agosto 2016 ha segnato un incremento di 0,16 gradi Celsius rispetto all'agosto 2014, il più caldo di sempre fino ad oggi, e di 0,98 gradi Celsius rispetto alla media degli agosto dal 1951 al 1980. Queste cifre possono sembrarci minime, ma, come spiegano i ricercatori, anche pochi centesimi di gradi possono avere un importante impatto sull'ambiente.

L'incremento delle temperature globali è un argomento che ci tocca da vicino poiché è il responsabile diretto dei cambiamenti climatici che portano allo scioglimento dei ghiacciai, all'innalzamento del livello del mare, alla scomparsa di molte specie animali e ad alluvioni e temporali più gravi rispetto al passato. Ma chi è il responsabile di questo caldo?

Se è certo che El Niño nell'ultimo anno si sia presentato con una potenza importante, è innegabile che i suoi effetti siano stati influenzati dall'inquinamento da noi provocato che immette nell'aria una quantità eccessiva di gas serra che agevolano l'aumento delle temperature e tutti i danni che ne conseguono.

[Foto copertina di geralt]