Fenicotteri alla laguna di Narta. Immagine di repertorio. Credit: Save the Blue Heart of Europe/Global Construction Review
in foto: Fenicotteri alla laguna di Narta. Immagine di repertorio. Credit: Save the Blue Heart of Europe/Global Construction Review

Migliaia di splendidi fenicotteri rosa (Phoenicopterus roseus) e altri uccelli migratori hanno invaso la laguna di Narta, in Albania, dando vita a uno spettacolo naturale mozzafiato. Da diverso tempo i fenicotteri si recano in questo grande bacino d'acqua di circa 40 chilometri quadrati, considerato un vero e proprio paradiso per gli amanti del birdwatching, tuttavia quest'anno è stato registrato un forte incremento della popolazione di questi amatissimi uccelli. Secondo esperti e residenti della zona citati dalla Associate Press, si conterebbero ben 3mila esemplari nella laguna affacciata sul Mar Adriatico, a 150 chilometri a Sud da Tirana.

Questa invasione di fenicotteri sarebbe legata alle misure di contenimento introdotte dal governo albanese per contrastare la pandemia di coronavirus SARS-CoV-2. Il risultato è la stesso osservato in altre parti del pianeta da alcune settimane a questa parte: meno esseri umani in circolazione per quarantene e lockdown, più animali selvatici, sia nei luoghi che frequentano solitamente, sia in aree che normalmente non vengono battute. I filmati di delfini che cacciano pesce nei porti, di pinguini, cervi e altre specie che scorrazzano per strade e città deserte hanno fatto rapidamente il giro del mondo, diventando un trend in questo periodo d'emergenza.

Come indicato, la laguna – dove l'acqua arriva a 1,5 metri di profondità – è già un luogo spettacolare per incontrare avifauna e altra biodiversità, ma l'arresto delle attività in una salina limitrofa, il traffico praticamente azzerato e l'assenza del turismo ha spinto molti gruppi di fenicotteri a fermarsi proprio qui, dando vita alla spettacolare colonia che sta animando la laguna. Gli esperti locali hanno osservato anche un incremento di pellicani, aironi e uccelli limicoli che solitamente frequentano queste acque, dove nei periodi più floridi si possono arrivare a contare decine di migliaia di uccelli di numerose specie.

I fenicotteri sono “una specie molto delicata”, ha dichiarato all'Associated Press il dottor Nexhip Hysolokaj, un biologo esperto di biodiversità. “Non hanno traffico o visitatori intorno ad essi. Hanno trovato cibo e calma, e questo probabilmente li ha aiutati ad aumentare di numero”, ha aggiunto lo specialista. Gli ha fatto eco Dhimiter Konomi, che gestisce la pesca nella laguna: “Non è bello vedere fenicotteri senza paura ovunque”? Normalmente sarebbero spaventati dalle attività umane e non raggiungerebbero questi numeri. Gruppi con migliaia di esemplari possono comunque essere osservati anche in Italia, ad esempio in Sardegna, o alla laguna di Orbetello e nel lago di Burano in Toscana.

La presenza costante di questi animali potrebbe attrarre moltissimi turisti, ma il dottor Hysolokaj sottolinea che a causa della delicatezza della laguna, una zona umida con dune, isole e spiagge, servirebbe un turismo diverso da quello di massa, attento all'ambiente e appassionato di animali e natura.