La cometa C/2020 F3 (NEOWISE) immortalata dall’astrofotografo Alessandro Nobili
in foto: La cometa C/2020 F3 (NEOWISE) immortalata dall’astrofotografo Alessandro Nobili

Il cielo di luglio sta regalando uno spettacolo indimenticabile a tutti gli appassionati di astronomia e non. È infatti diventata visibile a occhio nudo la splendida cometa C/2020 F3 (NEOWISE), scoperta il 27 marzo di quest'anno dal telescopio spaziale della NASA “WISE” in seno alla missione NEOWISE (Near-Earth Object – Wide-field Infrared Survey Explorer), progettata proprio per andare a caccia di comete e asteroidi che transitano nei pressi del nostro pianeta. L'oggetto celeste mostra perfettamente la sua splendida coda, che in base alle ultime indicazioni degli astronomi sarebbe diventata duplice: una di gas e una di polveri.

La cometa C/2020 F3 (NEOWISE). Credit: Alessandro Nobili
in foto: La cometa C/2020 F3 (NEOWISE). Credit: Alessandro Nobili

La cometa ha un'orbita quasi parabolica e lo scorso venerdì 3 luglio ha raggiunto la minima distanza dal Sole (perielio), ad appena 43 milioni di chilometri dalla stella. Gli astronomi temevano che C/2020 F3 (NEOWISE) potesse disgregarsi a causa del calore estremo, come accaduto per altre promettenti comete transitate di recente, ma l'oggetto ha resistito e ora sta mostrando la lunga e affascinante coda, che si sprigiona proprio per l'evaporazione dei materiali superficiali innescata dai raggi solari. In questo momento la cometa sta viaggiando in direzione della Terra, e raggiungerà il perigeo (il punto più vicino) giovedì 23 luglio, quando verrà a trovarsi ad “appena” 103 milioni di chilometri da noi.

Naturalmente allontanandosi dal Sole diventerà sempre meno visibile, ma l'approccio alla Terra continuerà a regalare emozioni per almeno 3 settimane. Senza dimenticare che potrebbero verificarsi fenomeni “esplosivi” di gas e polveri improvvisi (outburst) in grado di rendere lo spettacolo davvero memorabile. “Poiché la cometa si sta allontanando dal Sole la sua luminosità andrà inevitabilmente calando e indicativamente possiamo aspettarci una magnitudine intorno a 3-4 a metà mese e 6 a fine mese”, ha scritto l'Unione Astrofili Italiani (UAI). La magnitudine è la luminosità apparente di un corpo celeste, che diminuisce all'aumentare del valore.

Come specificato, l'oggetto celeste dovrebbe risultare visibile a occhio nudo almeno per tutto il mese di luglio, ma gli orari non saranno sempre gli stessi. Fino al 10 luglio, infatti, potremo ammirare C/2020 F3 (NEOWISE) al mattino molto presto, attorno all'alba. È visibile a Nord-Est molto bassa sull'orizzonte, pertanto per l'osservazione è necessario trovare un luogo libero da ostacoli naturali e artificiali come montagne, alberi ed edifici. L'inquinamento luminoso e l'albeggiare possono diminuire sensibilmente la visibilità dell'oggetto, tuttavia anche in condizioni non ottimali potrebbe restare ben apprezzabile a occhio nudo. L'ideale per questa prima fase osservativa è raggiungere una montagna o una collina, con un ampio campo visivo verso Est. A partire dall'11 luglio la cometa diventerà invece visibile a Nord-Ovest dopo il tramonto, fino alla mezzanotte circa. La si potrà osservare poco al di sotto dell'Orsa Maggiore, in particolar modo tra il 19 e il 24 luglio. Pur essendo identificabile a occhio nudo, con un buon binocolo, un piccolo telescopio o una fotocamera con teleobiettivo la si potrà apprezzare in tutto il suo splendore.

La cometa C/2020 F3 (NEOWISE). Credit: Alessandro Nobili
in foto: La cometa C/2020 F3 (NEOWISE). Credit: Alessandro Nobili

Le bellissime immagini che trovate a corredo dell'articolo sono state scattate dall'appassionato di astrofotografia Alessandro Nobili, che le ha gentilmente concesse a Fanpage per la pubblicazione. La cometa è stata immortalata all'alba del 6 luglio da Monte Porzio Catone (Roma), poco dopo le 4 del mattino. Questo il racconto dell'incredibile esperienza vissuta dall'astrofotografo: “Alle ore 3.15 mi metto in auto con la speranza di riuscire ad immortalare la nuova cometa che stava facendo tanto parlare gli astronomi di tutto il mondo. Mi dirigo verso Monte Porzio Catone dopo aver studiato lo spot il giorno prima, cercando di avere il Nord-Est libero. Arrivato sul posto lo spettacolo è unico: con mio grande stupore la cometa era visibile ad occhio nudo, chioma e coda erano visibili senza sforzo. Nel mirino della reflex la cometa era fantastica, luminosissima e con una lunga coda. Inizio a scattare alle ore 4.00 e finisco alle 4.40, quando le luci dell'alba cominciano a schiarire il cielo. Il bellissimo panorama fa da contorno ad un evento unico che porterò per sempre nei miei ricordi”. La speranza è che tutti riescano ad ammirare il meraviglioso passaggio di C/2020 F3 (NEOWISE) nei cieli d'Italia.