Credit: Giove/Hubble – Luna/Andrea Centini
in foto: Credit: Giove/Hubble – Luna/Andrea Centini

La sera di giovedì 3 ottobre potremo osservare nel cielo una spettacolare congiunzione astrale tra una falce di Luna crescente e Giove, il pianeta più grande del Sistema solare. Si tratterà del primo duetto del mese fra i due oggetti, dato che il satellite della Terra e il gigante gassoso si concederanno il bis esattamente tra quattro settimane, giovedì 31 ottobre. Il valzer celeste di oggi inizierà dopo il tramonto del Sole, quando l'oscurità prenderà il sopravvento sulla luce e la volta celeste inizierà a punteggiarsi di stelle, pianeti e altri oggetti. Ecco tutto quello che c'è da sapere per non perdersi questo affascinante spettacolo astronomico.

La Luna e Giove sono sorti attorno alle 12:30 (ora di Roma) a Sud Est, ma dei due durante il giorno è naturalmente visibile solo la Luna. Come indicato, bisognerà attendere il crepuscolo serale per veder comparire il compagno di danza, che si troverà esattamente alla sinistra del satellite, a pochi gradi di distanza. Riconoscere Giove sarà piuttosto semplice; si tratta innanzitutto del quarto oggetto più luminoso della volta celeste (dopo Sole, Luna e Venere), dunque spiccherà rispetto alle stelle che lo circondano, inoltre la sua luce è quella riflessa del Sole, dunque non brilla a differenza degli astri. Per trovare la coppia bisognerà puntare lo sguardo a Sud Ovest attorno alle 20:00. Sarà incastonata tra la costellazione dello Scorpione in basso (ormai parzialmente tramontata), quella dell'Ofiuco in alto e quella del Sagittario a sinistra.

Credit: Stellarium
in foto: Credit: Stellarium

Purtroppo la congiunzione astrale inizierà con i due oggetti già abbastanza bassi sull'orizzonte, quindi per osservarla dovremmo avere il cielo sgombro da ostacoli come alberi, edifici e montagne. Il valzer celeste continuerà fino a poco prima delle 22:00 (ora di Roma), quindi ci sarà una finestra osservativa di un paio d'ore in tutto. Come sempre le congiunzioni astrali possono essere pienamente godute a occhio nudo, ma con un binocolo e un telescopio si possono ammirare diversi dettagli in più. Puntando Giove con uno strumento, ad esempio, è possibile osservare al suo fianco i satelliti medicei e le caratteristiche bande dell'atmosfera. Molto dipende anche dall'inquinamento luminoso della zona in cui ci si trova, ma normalmente le congiunzioni astrali tra la Luna e il gigante gassoso sono ben visibili.